Pagan Storm intervista i Saor

In quella che appariva come l’imperdibile doppia occasione dell’uscita di “Guardians”, nuovo e atteso album degli scozzesi Saor, e del debutto a nome Fuath (“I”, uscito ad inizio anno per Neuropa Records), lo staff di Pagan Storm Webzine ha deciso di non lasciarsi sfuggire la possibilità di scambiare qualche parola con l’impegnatissimo Andy Marshall. Sfortunatamente, la collaborazione dello scozzese si è dimostrata ridotta e disiniteressata a parlare d’altro che non fosse riguardante l’uscita del terzo full-length del progetto principale, non troppo voglioso quindi di inquadrare il suo operato artistico in toto e dichiarando di non aver nulla da dire sul resto degli interessanti progetti. I lettori perdoneranno, dunque, il fatto che sfortunatamente l’intervista verta solo ed esclusivamente sull’uscita del nuovo “Guardians”. Per scoprire com’è andata e cosa vi attende nel disco in uscita il prossimo 11 novembre via Northern Silence Productions, non vi resta che intraprendere la lettura

[EN]

Q- Welcome to Pagan Storm Webzine, Andy. You’re releasing a new album in a couple of months, so let’s start from that: what should people expect from “Guardians”, according to you? How does the creative and composing process have been this time, rather than for “Aura” or “Roots”?

A- Andy Marshall: They should expect atmospheric music with influences from Folk, Metal and Rock. There wasn’t really a different creative process, it just took me a little longer to write and record “Guardians”.

Q- Did you sincerely feel more pressure this time, because of the acclaimed “Aura” and the ever-growing horde of fans?

A- Andy Marshall: No, I’m not on a major label and don’t have a management team pressuring me into releasing a new album every year like some bands. I just write and record music when I feel inspired and then release it, simple as that. I personally think “Aura” is a huge mess. I like some of the songs on that album but the production is bad and the playing is sloppy and all over the place. I took my time with “Guardians” and I’m very happy with it.

Q- In the new album you’ve relied on Bryan Hamilton for the drumming parts. He has been the live drummer for Saor for the last two years. Do you feel that Bryan or any other drummer could take a standing place behind the drums in Saor or do you prefer to keep choosing your guests for every release?

A- Andy Marshall: Saor will always be a one-man project. I hope to work with Bryan on future releases, we are close friends and I think he is a great drummer and musician.

Q- Are the guest parts (strings, bagpipes, fiddles, bodhrán and above all drums) originally composed by you or by your guests? How does the collaboration work out indeed?

A- Andy Marshall: I record demos with a basic drum machine and send it out to all of the guest musicians. All of the guests [John Becker, Meri Tadić, Reni McDonald and HillKevin Murphy, -ndr] compose their own parts, however, I always have ideas and ways I want things to sound.

Q- A technical question for you now: what kind of amplifiers and instruments have you used for the guitars and bass guitars recordings for “Guardians”?

A- Andy Marshall: I have a PRS electric guitar, a Taylor acoustic guitar and a Fender Jazz Bass. There were a few different amps used on the album, the guitars were re-amped in a studio in the US [Decade Music Studio in Chicago, -ndr] by Spenser Morris, who mixed and mastered “Guardians”. I don’t know or care much about gear, I prefer writing songs.

Q- I could not help but noticing that for the first time all the lyrics are taken directly from five different traditional Scottish poems and songs. I almost figured out a linking line between them, could we tell that “Guardians” is an unintentional concept-album?

A- Andy Marshall: It’s not meant to be a concept-album, if it looks that way, it was completely unintentional. I just liked those five poems and used them.

Q- But I guess there is a plethora of Scottish authors that are influencing you for your lyrics and music. So how have you came to choose this very five among them?

A- Andy Marshall: I was reading a bunch of traditional poems and those ones stood out to me.

Q- The lyrics from “Roots” and especially “Aura” are mostly dealing with the beauty of the Scottish landscape and nature in general. In “Guardians” we rather have lyrics focusing on sorrow and/or Pictish tragedies and struggles. I feel that even the more natural-dealing “Autumn Rain” is indirectly singing about those themes. Do you agree?

A- Andy Marshall: There is nothing about the Picts on the new album or any of my previous albums. “Autumn Rain” [originally from “Culloden Moor (Seen In Autumn Rain)” by Alice Macdonell of Keppoch, -ndr] deals with the battle of Culloden and the bleakness of the area where the battle took place. I would agree that “Guardians” is more sorrowful than the past two albums.

Q- Are there any events or stories in the Scottish folklore which you are particularly fond of and that you prefer to represent in your music? Have you ever thought about a proper concept-album about one of them?

A- Andy Marshall: Not really. Most of my songs are about nature or historical events and I’ve never really had any songs about folklore. I’ve no plans to make a proper concept album.

Q- The Gaelic names of most of your projects, including Saor, draw a strong link between them and your Land drenching your music in folklore. How do you feel does this directly influenced the new “Guardians” and/or the past ones more in general?

A- Andy Marshall: I think it’s a beautiful, poetic language but I don’t really think that it has influenced any of my music. Obviously, “Saor” means “free” in Gaelic but I chose that because I liked the meaning of the word.

Q- You’ve recently created the possibility to sign exclusively on your bandcamp and to “join the clan”. People who’s doing that will receive extra contents and previews. Several bands are actually doing this kind of self-financing stuff in the last times; is this idea working with Saor? Do you think this will be in the future a new DIY way for bands that are longing for less constraints with labels and so-called-promoters?

A- Andy Marshall: It seems to be working but using Bandcamp can be frustrating at times. I would advise all bands/artists to stay independent and work with small, indie labels.

Q- Let’s go a bit back in time now… During the last year, a full and effective line-up for Saor (becoming a band) was announced. Without not so much further proclaims, you’ve turned back being in a one-man band helped by guests. Has this been a direct consequence of deciding not to play live with Saor anymore?

A- Andy Marshall: We had been playing a few shows together and I thought it would be a good idea to have the other guys [Bryan Hamilton, Rene McDonald Hill e Martyn Moffat, -ndr] on board. I guess it never worked out the way I wanted it to but we are still good friends.

Q- You’ve had quite an inactive period between the several past projects and the beginning of Saor (formerly under Àrsaidh), but after that you’ve released the considerable amount of 3 full-length albums (4, including the Fuath one) in less than three years. Is this creativity the result of past writings during the period of stop, or are there in these albums only new ideas caught up at the time of the respective album?

A- Andy Marshall: I just write music, record it and release it. I don’t think about that kind of stuff. I have loads of material from years ago and I continue to write material.

Q- I’d say we’re now at the end of the interview. Now it’s your turn to tell our readers and your fans whatever you may desire.

A- Andy Marshall: Thanks! “Guardians” is out on November 11th on Northern Silence Productions. You can pre-order the album at http://saor.bandcamp.com and http://northern-silence.de.

Andy Marshall

[ITA]

Q- Benvenuto su Pagan Storm Webzine, Andy. Tra un paio di mesi rilascerai un nuovo album intitolato “Guardians”, quindi partiamo da questo: cosa deve aspettarsi il pubblico dal nuovo album? Ci sono state differenze durante la sua composizione rispetto ad “Aura” e “Roots”?

A- Andy Marshall: Devono aspettarsi musica atmosferica con influenze che spaziano dal Folk, al Metal e al Rock. Non vi è stato un processo creativo particolarmente diverso rispetto agli ultimi due dischi, mi ci è semplicemente voluto un po’ più di tempo per scrivere e registrare “Guardians” nella sua interezza.

Q- Sinceramente, ti sei sentito sotto pressione visto il grande successo che ha riscosso “Aura” e considerata la crescita esponenziale di pubblico?

A- Andy Marshall: Non direi, non sono sotto una [etichetta] major e non ho un management attorno che mi faccia pressioni per rilasciare o meno un album all’anno o cose simili, come accade ad altre band. Scrivo semplicemente musica e la registro quando mi sento ispirato, dopodiché la rilascio, niente di più semplice. Personalmente inoltre penso che “Aura” sia assolutamente un casino… Mi piacciono ancora alcune canzoni di quell’album ma la produzione non è all’altezza, e l’esecuzione è generalmente poco curata e sbrodolante. Per questo mi sono preso un po’ di tempo in più per realizzare “Guardians” e sono molto soddisfatto e felice del risultato.

Q- Le parti di batteria questa volta sono affidate a Bryan Hamilton, già al lavoro con i Saor come membro in sede live da un paio d’anni. Pensi che lui o qualcun altro potrà mai divenire fisso dietro alle pelli per il progetto o continui a preferire sceglierti i diversi collaboratori di volta in volta?

A- Andy Marshall: Saor rimarrà sempre un mio progetto e una one-man band. Però spero di lavorare ancora con Bryan per le prossime uscite, siamo ottimi amici ed è un gran batterista oltre che musicista.

Q- E le parti suonate dagli ospiti (archi, cornamuse, violino, bodhrán e soprattutto batteria) sono composte originariamente da te o direttamente da loro? Come si svolge nella pratica la collaborazione?

A- Andy Marshall: Registro ogni demo con una drum machine abbastanza basilare, quindi le spedisco così composte al resto dei musicisti. Poi ognuno di loro [John Becker, Meri Tadić, Reni McDonald e HillKevin Murphy, -ndr] compone le sue parti, ad ogni modo ho sempre idee in mente di come questo o quest’altro dovrà suonare.

Q- Una domanda un po’ più tecnica ora: che tipo di amplificazione e che modelli di strumentazione hai usato per le registrazioni di chitarre e basso in “Guardians”?

A- Andy Marshall: Possiedo una PRS come chitarra elettrica, una Taylor acustica e per il basso uso un Jazz della Fender. Ho usato diversa amplificazione sul disco ma le chitarre sono state tutte ri-amplificate in uno studio negli Stati Uniti [Decade Music Studio a Chicago, -ndr] da Spenser Morris, che ha curato sia il missaggio che il mastering di “Guardians”. Ad ogni modo non ne so molto né mi interessa granché di strumentazione, la cosa che preferisco è scrivere canzoni.

Q- Mi è stato impossibile non notare come le liriche per la prima volta siano esclusivamente affidate a testi della tradizione scozzese. Vi è un filo conduttore, possiamo dire si tratti quasi di concept-album involontario?

A- Andy Marshall: Non è stato inteso come un concept-album… Quindi, sotto questo punto di vista, sì: è stato assolutamente non intenzionale. Semplicemente, mi piacevano quelle cinque poesie e ho deciso di utilizzarle.

Q- Ma, tra i tanti autori scozzesi che sicuramente ispirano il tuo lavoro, come sei giunto alla scelta proprio di questi cinque?

A- Andy Marshall: In quel periodo stavo leggendo un bel po’ di poesie tradizionali e quelle in particolare hanno spiccato, per quel che mi riguarda.

Q- Se i testi di “Roots”“Aura” sono in ottima parte incentrati sulla bellezza della natura scozzese, l’atmosfera che si respira in “Guardians” è invece più cupa e di rivalsa. I testi sembrano più legati al dolore e/o alle sofferenze dei pitti, persino la più naturalistica “Autumn Rain” pare ne tratti indirettamente…

A- Andy Marshall: Non c’è niente in particolare sui pitti nel nuovo album come nei precedenti, in realtà. “Autumn Rain” [testo tratto da “Culloden Moor (Seen In Autumn Rain)” di Alice Macdonell of Keppoch, -ndr] nello specifico tratta della Battaglia di Culloden e descrive più che altro la desolazione e lo squallore dell’area dove il combattimento ebbe luogo. In ogni caso sono d’accordo sul fatto che “Guardians” abbia un’atmosfera più dolorosa e cupa.

Q- Ci sono eventi o elementi in particolare della storia e del folklore scozzese che preferisci rappresentare nella tua musica? Hai mai pensato ad un vero concept-album basato interamente su una di queste tematiche?

A- Andy Marshall: No, in realtà non direi… La maggior parte delle mie canzoni trattano soprattutto temi riguardanti la natura o eventi storici. Quindi non ho mai avuto pezzi incentrati direttamente sul “folklore”. Non ho piani al momento riguardo ad un concept-album vero e proprio.

Q- I nomi in gaelico scozzese dei tuoi progetti, tra i quali Saor, denotano un grande legame tra te/loro e la tua Terra, impregnando di folklore il loro concept. Come senti che tutto ciò abbia influenzato direttamente il nuovo “Guardians” o il tuo lavoro in generale?

A- Andy Marshall: Credo sia davvero una lingua bellissima e molto poetica, ma non penso che qualcosa di simile abbia avuto influenza granché sulla mia musica. Ovviamente “Saor” significa “libero” in gaelico, ma ai tempi lo scelsi unicamente perché mi piaceva il significato della parola.

Q- Recentemente hai creato la possibilità di iscriversi in modo esclusivo al tuo Bandcamp , in modo da guadagnare contenuti extra e in anteprima. Diverse band sembrano sfruttare questa modalità di auto-finanziamento negli ultimi tempi; sta funzionando questa idea per i Saor? Pensi che possa rivelarsi come un nuovo metodo per sostenere attivamente le piccole band, desiderose di non avere troppi legami o vincoli con le label?

A- Andy Marshall: Sì, sembra stia funzionando al momento, ma l’utilizzo di Bandcamp alle volte è parecchio frustrante. Consiglierei ad ogni band e artista di rimanere il più possibile indipendente e lavorare unicamente con piccole label indipendenti.

Q- Torniamo gradualmente indietro nel tempo: lo scorso anno era stata annunciata una line-up effettiva per i Saor. Il fatto di essere tornato senza troppi proclami ad essere una one-man band è conseguenza della decisione presa di non esibire più i Saor dal vivo?

A- Andy Marshall: Stavamo suonando ormai da qualche show insieme e inizialmente ho pensato fosse una buona idea avere gli altri ragazzi [Bryan Hamilton, Rene McDonald Hill e Martyn Moffat, -ndr] a bordo. Penso che non abbia poi mai veramente funzionato nel modo in cui volevo funzionasse, ma siamo comunque buoni amici tuttora.

Q- Hai avuto un grande periodo di inattività dopo la fine dei tuoi vecchi progetti e l’inizio dei Saor (inizialmente a nome Àrsaidh), ma subito dopo hai rilasciato la quantità considerevole di ben tre full-length (quattro, includendo quello a nome Fuath) in meno di tre anni. Tutta questa creatività è frutto di materiale accumulato durante il periodo di pausa o ciò che ascoltiamo nasce oggi nel momento in cui crei e rilasci i dischi?

A- Andy Marshall: L’unica cosa che faccio è scrivere musica, registrarla e poi rilasciarla. Non penso e non mi curo granché di pensieri del genere. Ho grandi quantità di materiale risalente ad anni fa e ne continuo a scrivere oggi.

Q- Direi che con questo siamo giunti alla fine dell’intervista. Ti lasciamo lo spazio dei saluti per dire ciò che desideri ai tuoi fan e ai nostri lettori.

A- Andy Marshall: Grazie! “Guardians” uscirà il prossimo 11 novembre tramite Northern Silence Productions. Potete preordinare l’album via http://saor.bandcamp.com e http://northern-silence.de.

 

Domande a cura di: Matteo “Theo” Damiani, Karl “Feanor” Bothvar, Lorenzo “Kirves” Dotto e Riccardo “Hiemal” Di Bella.
Traduzione inglese delle domande a cura di: Matteo “Theo” Damiani.
Revisione a cura di: Matteo “Theo” Damiani.
Grafica iniziale a cura di: Giacomo “Caldix” Caldironi.
Artwork e logo originali rispettivamente a cura di: Sebastian Wagner e Kogaion Art.

Matteo “Theo” Damiani