Pagan Storm intervista i Sojourner

Recentemente lo staff di Pagan Storm Webzine ha avuto il piacere di intervistare i giovanissimi Sojourner in occasione del loro debutto su full-length, intitolato “Empires Of Ash” ed uscito (in formato digitale) lo scorso mese tramite la nostrana Avantgarde Music. Il loquace nucleo compositivo della band non si è di certo fatto pregare, prestandosi per una lunga ed approfondita chiacchierata ove non ha lesinato informazioni e dettagli riguardanti il nuovo album, la nascita del progetto, i suoi obiettivi e le sue tematiche, riflessioni sull’immediato futuro della band, i vari progetti paralleli e diverse altre curiosità. Volete saperne di più? Non vi resta che intraprendere la lettura…

(Versione italiana dell’intervista disponibile sotto l’originale)

[EN]

Q- First of all, welcome to Pagan Storm Webzine. Sojourner is an incredibly young project, we can say you’re an almost unknown band for the most of our readers… So, can you explain your story from the beginnings to the very (digital) release of your first full-length “Empires Of Ash” the last month?

A- Emilio: Hello! Thanks for having us on your awesome webzine. I’ve personally been following you for some time. Well Sojourner started as just an idea that Mike (L.) and I had about 2 years ago. It took a while for things to get rolling but we did it in the end. We made it clear to each other that we wanted to make a certain style of Black Metal that was epic, beautiful, fantasy and nature driven. We were inspired by a plethora of bands and when Chloe joined we really cemented that sound with our own touch as well. The writing process took a while but it was worth. You never want to rush something when you know what you really want. You never settle and that’s always good. Everything has gone swell and here we are now.

Mike L.: Emilio more or less sums it up there. I wrote “Heritage Of The Natural Realm” (the first single) but felt that, although the core of the sound was there, the tin whistle lines I had written could use some work to make them more interesting. So we approached Chloe, who I’ve been working on music with for several years now in various projects, to work her magic on the tin whistle side of things and see what she could do. What she came back with is exactly what you hear on the album, and that basically cemented what lies at the core of our sound. We asked her to join in a general writing capacity, and her and I wrote the rest of the album together from that point! We’re both primarily guitarists, so we spent a good deal of time hashing out riffs and ideas together from that point on. Lots of late night writing sessions. All of the songs have been pretty much down the middle writing-wise, although I have to give Chloe credit for writing pretty much all of “Homeward”, which seems to be a real favourite on the album, that song is her epic. After that we brought Mike Wilson, an old friend and band-mate of mine, in to join the band on bass and that pretty much comprised the making of the album start-to-finish. Chloe and I travelled across Vietnam and China for three months last year on our way over to Scotland, where we’re currently based for a couple of years, so that took a chunk of time out of writing but we managed to compile some ideas on the way. It was a very inspiring trip for the writing of the rest of the album. You could say a mix of that Asia trip and our travels throughout New Zealand is what inspired Chloe and I most music-wise on this album.

Q- Let’s take it off immediately with a really cliché question: you told us to be inspired by “a plethora of bands”. Which are the main influences of the project, music-wise?

A- Emilio: For me it would have to be Caladan Brood, Summoning, Elderwind, Gallowbraid, and Draconian.

Chloe: Mostly Summoning, Borknagar, Skuggsjá, Wardruna, Nechochwen, Alda, and Moonsorrow for me, though a lot of the Folk elements were influenced by music from films like “The Lord Of The Rings”, “Braveheart”, and “Gladiator”.

Mike L.: For me it’s bands like Agalloch, Borknagar, Moonsorrow, Enslaved, Sólstafir, Dissection, Nechochwen, Windir, Drudkh, Rotting Christ, Septicflesh, Mgła, Summoning, and a lot of Doom, Folk metal, and Power Metal influence creeps in there as well.

Q- …and lyrical influences? Are there books or writings that are actually inspiring you for your lyrics?

A- Emilio: The lyrics are inspired by many things. It could be a tree that I see in a forest or even a certain smell. Anything can trigger it but nature and a good fantasy book or music can always spark it with little effort. Personally, I love “The Kingkiller Chronicles” series by Patrick Rothfuss and I’m currently reading “The Malazan Book Of The Fallen” 10 book series. My lyrics aren’t based on these books, mind you. They can be inspired by events in the books but not directly related. I normally make up my own stories just with help from certain things. “Bound By Blood” for example could be traced back slightly to Kvothe from “The Kingkiller Chronicles” series and yet in that song I’m not talking about him exactly.

Chloe: For “The Pale Host”, I was going for the feel of a traditional Folk song, which is why it has the repeating structure of a four line rhyming verse. The lyrics were mostly inspired by ancient Greek epic and tragedy, which is what I’m working on for my PhD. There’s no shortage of funeral pyres, warriors’ ghosts, or creepy wildernesses in Greek myth, unsurprisingly. Also, as people have already guessed, there has to be something Tolkienian about a wandering ghost army.

Q- Although the lyrical themes could be distinguishable where not even clear, do you want to make our readers -that do not already know you- go a bit more in-depth with the epic-romantic (I would say!) world of Sojourner?

A- Emilio: Well the lyrics are either nature or fantasy inspired. There are three songs that are about nature (“Heritage Of The Natural Realm”, “Trails Of The Earth”, and “Empires Of Ash”) and those deal with the decline of nature due to the faults of none other than us humans. The rest are fantasy inspired. I’m not sure if anyone has picked up on it but we do have a sort of trilogy of songs on the album. “Aeons Of Valor”, “The Pale Host”, and “Homeward” are intertwined. It’s not a concept album by any means but the songs follow the story of the previous. “Aeons Of Valor” starts as a battle song with two opposing legions, then “The Pale Host” is documenting a sort of sad aftermath, then finally “Homeward” is the end of it all with our protagonist (if we want to call it that) and what’s left of his army returning home. The final lyrics of “Homeward” really let you know that that’s what this was. As I said in the previous question, I can be inspired by many things and sometimes events in books. I don’t depict these events exactly but rather grab the basic idea and develop it further in my own kind of scene. “Bound By Blood” was inspired by “The Kingkiller Chronicles” with Kvothe having a standoff against Felurian. I love that part of the story so much so I grabbed the concept of a standoff against an entity and used it in my own way. For those who know the series, they’ll remember that Kvothe at one point had a “battle” with her and started to summon hidden powers that were deep inside him (basically starting to unleash “the name of the wind”). In “Bound By Blood” you can pick up on these small references (a sinister wave of energy emits from me. Haunting memories, I shall not back down… I unleash!). I really love having these stories in my head, expanding upon them and being able to sing about them. Within these two main lyrical themes there can be a plethora of other themes or feelings, such as sadness, rage, hate, and love to certain extent. The next album will definitely expand more upon the fantasy content.

Q- Avantgarde Music, your first and current label, it’s a true pillar of the genres we are dealing with for more than 20 years now. How do you came through them (or vice-versa!) and are you satisfied of the final result of this (first) collaboration?

A- Emilio: It was clear to us what home we wanted with this band. Even before we finished a song I got in touch with Avantgarde Music to just inform them of our plans and that they would be the first to hear our stuff and decide if they wanted to work with us. Our correspondence lasted several months until almost the coming of the new year, we reached an agreement. We were (and still are) happy, thrilled and honoured to be working with Avantgarde and to form part of a roster that was, is, and will be strong. There is no other label for Sojourner so as long as we can, we will be on this label (unless they drop us haha!). We have a great relationship and Roberto (Mammarella, -ndr) is a fantastic guy to work with. Couldn’t be happier.

Mike L.: Emilio basically summed it up, but yeah, Avantgarde have released some of my favourite albums of all time so it’s pretty surreal to actually put something out through them. If you had told 15 year old me that I’d one day have something on the same label that released Katatonia‘s “Brave Murder Day” and “Discouraged Ones” (two of my favourite albums of ever), Solefald‘s “The Linear Scaffold”, Diabolical Masquerade‘s “Nightwork”, Winds“Reflections Of The I” or Thergothon‘s “Stream From The Heavens” there’s no way I would have believed you. Not to mention all of the absolutely brilliant bands on the current roster… We’re just really lucky and thankful that Roberto (Mammarella, -ndr) saw fit to put his faith in us. Not to mention he’s just an all-around great guy in general.

Q- We appreciate a lot that you guys are seeming to be first of all great music enthusiasts, as well as musicians. So, what do you think about your other label-mates in the Avantgarde Music roster? Do you maybe like some of them in particular?

A- Chloe: I love Ashbringer‘s new album, and I’m a big fan of Selvans, Downfall Of Nur, and Sivyj Yar too. It’s really fun to listen to these amazing bands and know that we’re on the same label as them.

Emilio: The roster is an amazing one with so many great bands on it. Off the top of my head my favourite ones would be Earth And Pillars, Selvans, Ashbringer, Downfall Of Nur, Abigor, Sivyj Yar, Mesarthim, Auriga and a band that I can’t believe sometimes that we share the roster with, Darkspace.

Mike L.: I think Avantgarde‘s current roster is more impressive than it’s ever been actually! Obviously the label has a really strong history, but Roberto hasn’t lost that ability to pick up some seriously talented modern bands. Aside from the older releases that I mentioned above, Avantgarde also released one of my favourite Doom releases from a few years back with Before The Rain‘s “Frail”. Of the newer signings I’m especially fond of Ashbringer‘s new album “Yūgen”, which is just colossal and I couldn’t recommend highly enough; Sivyj Yar‘s last two albums (“Burial Shrouds” and “From The Dead Villages’ Darkness”) who I feel follow in the steps of Agalloch in many ways; Mesarthim‘s “Isolate”, which is some of the most unique Atmospheric Black Metal I’ve heard in ages; Dystopia Nå‘s “Dweller On The Threshold”, which is just an incredibly enjoyable album start to finish; Selvans“Lupercalia”, one of my favourite albums from last year; and The Clearing Path, the band of Gabriele (Gramaglia, -ndr) who did our mixing and mastering on our album. That’s just to name a few among a really, really solid line-up!

Q- …Now that you mentioned him… Concerning the production of “Empires Of Ash”, you relied on Gabriele Gramaglia (who’s a special guest on the album for the acoustic guitars on “Trails Of The Earth”). Are you satisfied? Do you think you’re working again with him in the future?

A- Mike L.: Yeah! We’re definitely happy with how Gabriele‘s mixing and mastering turned out! Basically Chloe and I had recorded the album in full ourselves, I mixed and mastered our own demo versions for references to how we wanted it to sound (which is the same mix you hear on our “Heritage…” single on Bandcamp, we just did that for each of the songs). Then we got Gabriele to mix and master it more professionally for the final album versions. The acoustic guest part in “Trails Of The Earth” was actually already written and recorded when we sent him the song, but the copy I had sent him had some errors and I didn’t have the right mic anymore to retake the part, so Gabriele re-recorded the part for me himself. When he sent it back he hadn’t only re-recorded the acoustic break bit but he had also added some nice strumming over the outro, so we kept that in because it ties it all together nicely. But yeah, we would absolutely work with him again. We haven’t decided what we’re doing in that regard for the next album, we’ll obviously cross the bridge when we come to it. We couldn’t be happier with how his mix turned out though!

Q- Now, given that the final result is overall more than appreciable, after several listening sessions to your “Empires Of Ash” our opinion is that the drumming sound could have been cared a bit more than this. I’m saying that because, being us really impressed by the very refined arrangements in your songs,  there’s (still!) this feeling of hurry or haste for what concerns the final production result. Can you confirm that? It has been a month since the release, so you had the time to make up your mind properly… Would you do everything at the same way, given now the possibility?

A- Mike L.: I’m quite happy with the drum parts, and in terms of this album I wouldn’t change much about them, but I can see why some people may not necessarily like them and it’s a valid observation. Of course, ideally I would have loved the drums to be done by a real, live drummer but we were working with what we had and I spent quite a while trying to make sure that they sounded as good and realistic as I could get them. Of course there is no substitute for a real drummer, but we’re an unknown band with very limited resources so we worked with what we had… For better or worse. There are always small things I’d change about any music that I’ve created, but to be honest I was personally pretty happy with the drums overall. That’s not the first criticism of the drums that I’ve heard, and I get that there’s a bit of a backlash against programmed drums, but it was either that or the album just didn’t happen at all given what we had at our disposal. Even when we eventually get a real drummer, probably on the next album, the general style of drumming on “Empires Of Ash” is something that I wouldn’t want to stray too far from. So in terms of the actual drums and what they’re playing, I spent a lot of time on them and I honestly wouldn’t change anything about the drum parts themselves. Sound-wise, I’m personally happy with how they turned out but I’d prefer a real drummer and definitely agree that it would sound better. Sorry that you guys weren’t a fan of them though, hopefully you’ll dig them more on the next album!

Q- Even if “Empires Of Ash” is out only by a month right now, you already mentioned a “next album”. A compulsory question breaks free: have you already new material composed for a next one? If so, can you anticipate our readers something about them? In terms of direction… Style… Obviously.

A- Mike L.: Oh yeah, we have definitely talked about the next album and begun some preliminary planning, but of course it’s not going to be something we just pump out quickly. We’ve all got other projects with things coming up for those, and we want to take our time and make sure that it all comes together to form the best album we can create! There’s not really much new material for it yet, a couple of things but not a whole lot. There’s a song that I had started for “Empires Of Ash” but didn’t progress much because the album was already pushing an hour, so I decided to put it aside for next time. We’ll basically be keeping with the sound we’ve got going, but we’ll expand it out in new directions of course. We’ll approach it much the same as last time, in that we don’t sit down and say “let’s use this kind of influence here and this here”, we wrote the whole album pretty organically and what came out when Chloe and I sat down and wrote the music was what you hear on the album. The only thing we do tend to do is plan the general “geography” of the album (for want of a better term), so that the dynamics are semi-planned in the sense that we know where we want the peaks and valleys of the album to be. For instance, on this album we knew we wanted “The Pale Host” to be a calmer midpoint interlude between some fairly sizeable songs, and then for “Trails…” to give the album the boost it needed at that point before the title-track, which is the longest song on the album. So we’ll have a similar writing process next time in that regard. Stylistically, expect to hear some new instruments we haven’t used, and we’d like to get a real drummer next time as I mentioned earlier. People seem to really enjoy Chloe’s vocals, so they’re something I’d like to use more of next time too. The tin-whistle is an element that won’t be going anywhere of course, that’s as much an ingrained core part of the band as the guitars and piano at this point.

Q- You’ve spoken about different projects of yours: can you guys describe at least some of them?

A- Emilio: I have a Death/Doom band called Nangilima. The band is very much in the vein of Draconian, Doom:VS, Swallow The Sun, and maybe some Evoken thrown in there. Doom is something I’ve wanted to do for so long and that band is my achievement in Doom. We released a full length entitled “The Dark Matter” and will release an EP later this year via Xtreem Music.

Chloe: I’ve been writing a Folk Metal album for a project called Aoroi (an ancient Greek term for ghosts of the restless dead who could be summoned in curses), somewhere more in the direction of Visigoth, Equilibrium, or Elvenking, so I’ll be recording that over the next few months. It’s mostly a fun opportunity to play things that are a bit too Power Metal-influenced for Sojourner. I think I will do some vocals on the album, but it needs heavy vocals too so I’ll be looking for someone to do those at some point in the near future.

Mike L.: I’m working on getting together a band with some friends from Dundee and Edinburgh here in Scotland, sort of a Gojira-style heavier thing which will be focused mostly on playing live but we’ll probably record some stuff as well. My Melodic Doom Metal band Lysithea, with our Sojourner bassist Mike W., will be starting on a new album very soon too. To be honest a lot of my music time since finishing the Sojourner album has been taken up with working on a mostly electronic soundtrack for a Canadian friend’s film. Not really metal at all, mostly 80s synth style stuff and atmospheric piano pieces.

Q- You’re a pretty strange band, with members coming from Sweden and New Zealand: two very opposite sides of the Earth! So, we absolutely have to ask you how your writing process works out…

A- Emilio: We’ve seen that people are confused or shocked that there is such a long distance between us and to be able to write this kind of music which is meticulous in detail. Fact is, with the internet it is actually not hard at all. We are in constant contact all the time so we always discuss things and make sure we want it a certain way. We don’t just write to each other either since some things need to be heard. So, we call or even Skype to come to conclusions or a consensus about a certain matter. Then with file sharing we get all our parts done. The distance only means it’s hard to see each other in person and limits possibilities to play live, which we will overcome since we hope to play live in Scotland when I visit Mike (L.) and Chloe in September.

Chloe: As Emilio says, the writing process has actually been very easy. Although it might have been more difficult if Mike (L.) and I weren’t in the same place. Usually after discussing the sort of direction and theme a song should have with Emilio, either Mike or I would start with a particular part and then we would work on it back and forth. We would often sit down with our guitars and work out sections and ideas together, then both go off and work on them more in detail from there. We generally both contribute to all the instruments, whether Mike has a tin whistle idea which I then modify or I write some initial synths which Mike works with. When we had finished this process and recorded the song, we would send the files to Mike W. and Emilio for bass and vocals, then they would send them back for Mike L. to mix.

Mike L.: Yeah, like Chloe said it was a very collaborative process between her and I on the music, and that wouldn’t have been possible if we didn’t live in the same place. We have our main instruments that each of us handle: Chloe with the tin whistles and her vocals, and me with the pianos, synths and writing/programming the drums, but we both do the guitars pretty much 50/50, and it’s nice that there’s a lot of crossover where we both add bits and pieces across all of the instruments. It means there are no real barriers to working fluidly. That’s the main reason that it was so easy, because when you’re doing all the music writing and production in one place you don’t have the weird fragmented issue of trying to work with other musicians from a distance. It was easy with Mike W. and the bass parts because I’ve been in so many bands with him before and I’ve known him for years so we work really well together, so once I sent him the songs he knew exactly what we needed and he just did it. After that it was just a matter of getting Emilio‘s vocals, so it was a very smooth process start to finish.

Q- So, coming to the Live aspect of Sojourner: you’ve stated that you’re going (or at least trying) to play some shows in Scotland in the near future. Do you want to become a proper “live-act” with tours and something like that?

A- Emilio: I wouldn’t like to be the kind of person to say “that will never happen”, but the logistics of a tour are extremely difficult for us to pull off. I think for the moment it would be safe to say that we will be a band that from time to time will do one-off gigs and in certain places where it would be possible to do so.

Q- Let’s come back on your origins: many years ago New Zealand has become the homeland for the collective imagery of “The Lord Of The Rings” and “The Hobbit” film sagas by Peter Jackson. Are you interested in the topic and do you think it would fit with your artistic vision in your music, or you rather prefer keep it away because it has been also becoming truly a cliché in this genre?

A- Chloe: We’ve all always maintained that our theme is generally fantasy and nature, rather than any specific fantasy book or series. Emilio can speak more specifically for the lyrics, but in the music it was a widely applicable epicness that could lend itself to many beautiful landscapes, fantasy worlds, or historical periods that we wanted to create or capture the atmosphere of. A lot of people have made the connection with “The Lord Of The Rings” independently, perhaps encouraged by the fact that most of us are from New Zealand. That being said, I’m always pleased when people say that our music reminds them of “The Lord Of The Rings” because I’ve always loved Tolkien; I read the books when I was young and still read them every couple of years, and the movies are my absolute favourites. It means that we managed to capture the feeling and atmosphere that we were going for, and though neither the books nor the movies were our deliberate inspiration or concept, both are thematically very appropriate. Anything fantasy themed has to draw slightly on “The Lord Of The Rings”, because it is such a classic in the genre. But with there already being a lot of great bands with these themes, we don’t feel that we’d be adding much by doing the same.

Mike L.: I absolutely love “The Lord Of The Rings” and Tolkien, though I’ve never met a bigger Tolkien fan than Chloe! Though as she said, there are so many bands that use “The Lord Of The Rings” as a direct lyrical and thematic concept that we never considered it to be more than a general influence in the same way that it is to any fantasy fan. Summoning have the whole Tolkien thing cornered, and I just don’t see the point in just mimicking that when they’ve done it so well. Similarly, Caladan Brood have used the fantastic “Malazan Book Of The Fallen” series as their inspiration, but to do likewise would be incredibly contrived. So as much of a classic as “The Lord Of The Rings” is, and as ingrained as it is in us as both fans and New Zealanders, it’s a cliché in the genre now just like you said. The movies did a huge amount for New Zealand as a country, and the legacy of its impact on the country’s tourism and worldwide popularity is massive, but if anything “The Lord Of The Rings” movies are like an huge advertisement for New Zealand in terms of the epic scenery that you see in it… And it’s that scenery and the landscape of New Zealand that inspires us more than anything else. With it being our home country Chloe and I have both travelled there extensively, so I guess you could say in a way that we’ve been most inspired by the ‘real’ Middle-Earth more than the fictional story set there, haha! I’d say the landscapes of New Zealand, as well as our travels across Vietnam, Thailand, Cambodia, mainland China, and Scotland are what inspired us most musically on this album. Overall we’ve spent roughly 6 months travelling those parts of the world and have seen so many things that have inspired us more than anything else possibly could, some of the most beautiful places in existence are hidden away in those countries. One last thing regarding “The Lord Of The Rings” though; despite it being a total fantasy cliché now, nothing can rob its status as the cornerstone of the genre, and in so many respects you’ve got to pay it the dues that it deserves.

Q- You mentioned Summoning and you agreed with me on the overall feeling towards bands mimicking what they’re doing or how they’re actually sounding. We recently had a nice chat with the two Austrian gentlemen, among the other things, about the large amount of acts that are inspired by them. With “Empires Of Ash” you clearly demonstrated to be inspired from their music, and you stated it also at the beginning of the interview. In fact, you’re manifestly trying to deliver something that really goes beyond a mere copycat, with tons of different influences going on through your music. What do you think about this proper wave of Atmospheric Black Metal bands with fantasy-themed lyrics.

A- Emilio: The influence is there, of course. When it comes to this genre, I see Summoning as our fathers (kind of like Death and Chuck [Schuldiner, -ndr] is for Death Metal) so something is bound to be in there. About this wave of Atmospheric Black Metal bands… I love it. I know many can think “another one?” but for me it just means more epic as fuck music! Eldamar and Skyforest are my latest obsessions. I spin their albums multiple times every day. Their music has been done several times before that but for me, it was done well, sounds great, and it’s another 15 or so tracks that I can listen to. Basically, as long as it’s good, I love it. Bring on more bands like this.

Mike L.: Yeah there is definitely some Summoning influence in there, particularly in some of the distorted arpeggio riffs, but as you said the vast majority of our influence comes from elsewhere. I’m a big fan of the genre of course, but for me Summoning and Caladan Brood do the Epic Atmospheric Black Metal thing best in my opinion. My personal preference for Black Metal generally tends to lean more towards bands which you might probably consider a little more on the fringes the Atmospheric Black Metal tag like Agalloch, Winterfylleth, Borknagar, Moonsorrow, Windir, Enslaved, Dissection, Nechochwen, Fen, Drudkh, Mgła, Mesarthim, Alda etc… All bands that have a huge amount of atmosphere, but probably don’t fall within the Atmospheric Black Metal subgenre particularly tidily. The more new bands the better though! In any genre the mileage is always going to vary when it comes to the quality of a lot of the bands that pop up, but there’s a lot of good stuff coming out and fantasy-themed lyrics kind of go hand-in-hand with the sound.

Q- A little (and someway quite bitter and uncomfortable) reflection to conclude the interview, about the modern times apparently so far from your lyrical imagery: both your first digital-released single (“Heritage Of The Natural Realm”) and the album have received a really warm welcome from the audience. Do you even expected something like that, coming from nowhere during these hard times for music in general? Let’s discuss…

A- Emilio: My lyrics in “Heritage Of The Natural Realm” explain my exact beliefs about the subject. Humans have proven time and time again to be detrimental to the survival of nature and all that belongs to her. Are all humans the same? No, not at all. But those that destroy it far outweigh those who don’t. When we die, the earth will thrive and restore it’s true self. We are not the centre of the earth nor are we indispensable. Something as insignificant (or so we believe) as the ants or bees are far more important than we ever will be. This may sound harsh but there is no beating around the bush on this one just so we don’t upset anyone. When it comes to our reception, we are truly grateful and happy about it all. We never expected to sell-out all our preorders and to have the label restore it over and over again. The support that we’ve been shown has been unbelievable and we really do appreciate it. So once again, thank you to all who have shown support, everyone who was involved in the album process, and to our label Avantgarde Music who has shown maximum support and believes in us!

Mike L.: I’ve got to respectfully disagree on that point. Well, not entirely disagree, but I think that there are a few important distinctions you’ve got to make. I generally prefer to try to find the good in people, and while I absolutely agree that we’ve done an insurmountable amount of damage to the planet as a species, I don’t see the point in unbridled misanthropy. More often than not it’s completely unconstructive and defeatist, and at worst that kind of outlook is damaging to any efforts to try and address the problem. What damage has been done is already done unfortunately, but I think there are a lot of ways in which we can address the issues at hand, and there are so many branches of science working on potential solutions to undo the worst of it. My Masters thesis focused on the science behind getting a human colony set up on Mars, and in much the same way that we saw enormous benefits and innovations from the offshoot technologies of the Space Race of the 1950s-70s, a push towards Mars could reap a lot of useful technologies that could help us curb global warming. There are other issues such as overpopulation which need to be addressed to help balance out some of the damage we’re doing as well, but again I don’t find the argument for aggressive antinatalism to be any more constructive than the Voluntary Human Extinction Movement’s call for people to just give up and die out. Population control similar to what China have is something that we might need to look at in the future, but if you call for the cessation of human breeding and want the entire species to roll over and voluntarily die out, then I don’t think that achieves anything. There are ways we can dig ourselves out of the hole we’re in and help restore some balance to the planet, but it’ll take a collective effort from everyone to make some different lifestyle choices over time…which I think is generally getting instilled in the next generation of kids by most parents, which I see as an excellent thing. I have faith that it can happen, but sheer hatred for our own species isn’t going to achieve anything. It’s too easy to throw in with the nihilists and misanthropes, but it’s a lot harder to try and be part of the solution. Of course, if you’re talking about modern times in terms of the terrorism and random acts of violence against innocent people, or the racist, misogynist, homophobic, and transphobic pieces of shit that seem all too common these days then that’s a different story… If you got rid of them then there’s an easy solution to the overpopulation problem right there. It’s one of the biggest reasons that I love the fact that our subject matter is generally fantasy-based, because I have no interest in playing nihilistic black metal that exists solely to spread some sort of misanthropic message. Just to close this off though, none of that was a dig at Emilio’s views, because he’s not a misanthrope. I agree with him for the most part and the lyrics to “Heritage…” have more of a nature-worship type vibe than anything else.
On a brighter note, we never expected the kind of reaction we’ve been getting! We made this for ourselves for fun and didn’t really expect anyone to be all that interested, but the reaction has been pretty astounding. It’s quite surreal that something you created can turn into this thing that quite a few people have really taken to, the album almost doesn’t feel like something we made anymore, haha! I guess I expected to hear a few complaints about having female vocals in there, how we’re too melodic, or how we’re not ‘really’ all that Black Metal… But we actually haven’t received any of that kind of thing, which surprised me quite a bit. People have been really supportive, which is amazing. We couldn’t be more thankful to people for all of the kind words and support, it really means a lot to us! And of course thank you again to Roberto for his unwavering belief in us, we owe him a lot.

Chloe: I swing a bit between Emilio‘s and Mike‘s views – there are certainly times where I feel like the planet could benefit from a good old zombie apocalypse, and others where I feel really positive about some of the advances being made. Either way, I love the nature aspect of the lyrics in “Heritage…”; nature/forest spirits and deities are always my favourite mythological characters. Hayao Miyazaki‘s “Princess Mononoke” is one of my favourite films, and the theme throughout which comes up in the lyrics to “Heritage…” and the title-track “Empires Of Ash” reminds me a lot of that. In terms of the album’s reception so far, it’s been completely unexpected and we’re so grateful that people have been so positive and supportive. We were really making music for our own interests and it’s such a bonus to have so many people appreciate it.

Q- Now we’re at the very end of the interview… As usual, we want to leave you the last words, wishing you good luck for the future steps with Sojourner.

A- Emilio: Thank you so much for this interview! It was hands down the best we have done so far. The questions were great and I really enjoyed answering them. As I said earlier, thanks to everyone for the immense support and stay tuned for the next one!

Mike L.: Thanks so much for taking the time to chat to us, it’s been great, and we really appreciate the support you guys have shown us along the way! And thanks to everybody that has been supporting us, sending kind words, and buying the album. You’re all awesome!

Chloe: Thanks for the interview and for all your help getting our music out there. Thanks also to everyone for their interest and support, we really appreciate it!

Emilio, Mike L. e Chloe.

[ITA]

Q- Innanzitutto vi diamo il benvenuto su Pagan Storm Webzine. Siete una band giovanissima, tranquillamente definibile una novità per i più, vi va quindi di raccontare la vostra storia, dagli inizi del gruppo, fino alla pubblicazione del vostro primo album “Empires Of Ash” lo scorso mese?

A- Emilio: Ciao! Grazie per la possibilità di essere su questa fantastica Webzine, vi seguo personalmente da diverso tempo. Sojourner nasce unicamente come idea mia e di Mike (L.) circa due anni fa. Ci è voluto un po’ prima che riuscissimo a sistemare tutto, ma alla fine ce l’abbiamo fatta. Eravamo entrambi d’accordo e convinti sul fatto di voler fare questo certo tipo di Black Metal che fosse epico, atmosferico ed ispirato al mondo fantasy e alla natura. Inizialmente ci siamo chiaramente ispirati a diverse band, ma quando Chloe è entrata a far parte della band abbiamo iniziato a cementare ed indirizzare realmente il nostro sound grazie ad un tocco più personale. Il proceso compositivo è durato un bel po’, ma ne è valsa la pena. Non ha senso affrettarsi e rischiare di rovinare tutto, quando hai le idee ben chiare e sai dove vuoi andare a parare, come non puoi rassegnarti al primo tentativo o alla prima soluzione, cercando di far meglio. Tutto ha continuato a crescere ed eccoci qui.

Mike L.: Emilio ha già più o meno detto tutto… Quando scrissi “Heritage Of The Natural Realm” (il nostro primo singolo) sentii che, nonostante l’idea fosse buona e lo stile fosse quello che volevamo sviluppare, le linee di flauto che avevo scritto avrebbero potuto essere rese più interessanti. Così abbiamo chiesto a Chloe, con cui già lavoravo da anni su diversi altri progetti musicali, di metterci mano e usare le sue abilità con i tin-whistle per renderla più accattivante. Ciò che ci ha proposto in quell’occasione è a conti fatti ciò che sentite nell’album, ed è stato proprio questo avvenimento a cementare e ridefinire il nostro attuale sound. Così le abbiamo chiesto di entrare a far parte della band anche per quanto riguarda la composizione, e da quel momento siamo stati io e lei a scrivere le musiche del resto del disco! Siamo entrambi principalmente dei chitarristi, per questo abbiamo speso gran parte del tempo partendo da linee chitarristiche che hanno donato la forma ai pezzi… Sono state moltissime le nottate passate a comporre… Praticamente ogni pezzo è stato scritto a quattro mani da me e lei, anche se devo dare adito a Chloe di aver scritto praticamente da sola “Homeward”, che sembra essere uno dei pezzi preferiti dai fan del disco. Dopo la composizione, abbiamo reclutato Mike Wilson, un mio vecchio amico e già compagno in altre band, che è diventato il nostro bassista. Chloe ed io abbiamo viaggiato in Vietnam e in Cina per tre mesi lo scorso anno, prima di tornare in Scozia (dove viviamo attualmente), e questo ha rallentato la scrittura dei pezzi ma ci ha anche donato diverse nuove idee. E’ stato un viaggio utile per finire il resto dell’album. Possiamo tranquillamente asserire che il viaggio in Asia e i nostri viaggi alla scoperta della Nuova Zelanda (Terra d’origine dei due, -ndr) sono le cose che più hanno ispirato me e Chloe musicalmente su questo album.

Q- In apertura Emilio ha accennato a band che vi hanno influenzato agli inizi, leviamoci quindi subito una domanda piuttosto scontata: quali sono le influenze musicali principali dei Sojourner?

A- Emilio: Per quanto mi riguarda, sicuramente Caladan Brood, Summoning, Elderwind, Gallowbraid e Draconian.

Chloe: Principalmente Summoning, Borknagar, Skuggsjá, Wardruna, Nechochwen, Alda e Moonsorrow per me, anche se molti degli elementi Folk credo siano stati influenzati dalle colonne sonore de “Il Signore Degli Anelli”, “Braveheart”, e “Il Gladiatore”.

Mike L.: Per me si tratta di band come Agalloch, Borknagar, Moonsorrow, Enslaved, Sólstafir, Dissection, Nechochwen, Windir, Drudkh, Rotting Christ, Septicflesh, Mgła, Summoning e un sacco di Doom, Folk e Power Metal può essere ravvisabile qua e là.

Q- …E le influenze esterne in fatto di testi? Ci sono libri o scritti in particolare da cui sentite di aver tratto ispirazione?

A- Emilio: I miei testi possono essere ispirati da diversi fattori. Può essere un albero che trovo nella foresta, così come un certo profumo. Tutto può scatenare l’ispirazione, ma tramite la natura o un buon libro fantasy solitamente lo sforzo è minimo. personalmente, amo la serie de “The Kingkiller Chronicles” di Patrick Rothfuss e in questo momento sto leggendo la serie in dieci libri de “The Malazan Book Of The Fallen”. Tuttavia, attenzione: i miei testi non sono basati su questi libri. Possono anche essere ispirati da eventi nei libri, ma non sono ad essi direttamente legati. Solitamente, sono solo un aiuto a creare quelle che sono le mie personali storie. “Bound By Blood”, ad esempio, può essere leggermente ricondotta al personaggio di Kvothe della già citata serie de “The Kingkiller Chronicles”, ma in ogni caso non mi riferisco direttamente a lui in alcun modo.

Chloe: Per “The Pale Host”, mi sono ispirata ad una canzone Folk tradizionale: ecco spiegato il perché della struttura che presenta la ripetizione di quattro versi in rima. Le liriche sono però state ispirate soprattutto dall’epica e dalla tragedia greca, che è ciò a cui sto lavorando per il mio dottorato di ricerca. Tutt’altro che sorprendemente, non vi è affatto mancanza di pire funeree, fantasmi di guerrieri o inquietante natura selvaggia nei miti greci. Inoltre, come molte persone già avranno intuito, dovrà pur esserci qualcosa di Tolkieniano in un “esercito di fantasmi erranti”…

Q- Benché le tematiche siano generalmente intuibili e distinguibili, volete far entrare i nostri lettori -che ancora non vi conoscono- un po’ più a fondo nel mondo epico-romantico dei Sojourner?

A- Emilio: Allora, i testi sono come detto ispirati alla natura o al mondo fantasy… Vi sono tre pezzi riguardanti la natura (“Heritage Of The Natural Realm”, “Trails Of The Earth”, e “Empires Of Ash”), che narrano del declino della stessa a causa dell’uomo e di nessun altro. Gli altri sono ispirati al mondo fantasy. Non so se qualcuno vi ha già fatto caso, ma abbiamo una specie di piccola trilogia nell’album: “Aeons Of Valor”, “The Pale Host” e “Homeward” sono tra loro connesse. Ovviamente questo non permette di parlare di un concept-album, e non l’abbiamo inteso in questo modo, tuttavia i tre pezzi si susseguono narrando una storia comune. “Aeons Of Valor” inizia con una battaglia tra due fazioni opposte, segue “The Pale Host” che documenta un triste scenario post-bellico, infine “Homeward” vede il nostro protagonista (se così vogliamo chiamarlo) -e quel che rimane del suo esercito- fare rotta verso casa. I versi finali di “Homeward” sono ben chiari in questo senso, e lasciano trasparire la fine della storia. Come dicevo in una precedente risposta, posso essere ispirato da vari avvenimenti o anche eventi che leggo in alcuni libri. Chiaramente non dipingo questi eventi così come sono, ma li rielaboro grazie alla mia scena mentale, tenendo solo l’idea alla base. “Bound By Blood” è ispirata a “The Kingkiller Chronicles” con il protagonista Kvothe che ha un testa a testa con Felurian. Ho amato così tanto quella parte della storia, che ho voluto trasporla a mio modo nei nostri testi, usandola a modo mio e tenendo solo l’idea del testa a testa. Coloro che conoscono la serie di libri ricorderanno che Kvothe ad un certo punto ha una battaglia con lei, dove evoca poteri nascosti nel suo profondo. In “Bound By Blood” sono ravvisabili queste piccole citazioni. Amo sul serio avere queste storie nella mia mente e riuscire a farle scorrere ed espandere, così da essere in grado di narrarle e cantarle. All’interno di queste due aree tematiche vi può essere chiaramente una grande quantità di sotto-temi ed emozioni come tristezza, rabbia, odio… E anche amore, in un certo senso. Il prossimo album tratterà sicuramente ancora queste tematiche ma si svilupperà ancor di più in direzione del mondo fantasy.

Q- Avantgarde Music, la vostra label, è un pilastro dei generi da noi trattati ormai da più di vent’anni. Come siete entrati in contatto con loro e come vi siete trovati per la realizzazione del vostro debutto assoluto?

A- Emilio: Ci è stato chiaro fin da subito quale volevamo fosse la nostra casa, per questa band. Persino prima di aver finito anche solo un pezzo, siamo entrati in contatto con Avantgarde Music per informarli che stavamo lavorando e che sarebbero stati i primi ad ascoltare il nostro materiale per decidere se vi era interesse a lavorare con noi. I nostri contatti sono durati mesi, fino all’inizio del nuovo anno dove siamo riusciti a raggiungere un accordo. Siamo stati (e siamo tuttora!) contenti, emozionati e soprattutto onorati di lavorare con Avantgarde e di far parte di un roster che è stato, è oggi e sarà molto forte e solido. Non vi sarà altra etichetta per i Sojourner e, finché potremo, rimarremo con loro (a meno che non siano loro a scaricarci! Ahah!). Abbiamo un gran bel rapporto, e Roberto (Mammarella, -ndr) è una persona fantastica con cui lavorare. Non potremmo essere più felici.

Mike L.: Emilio ha tendenzialmente detto tutto! Però, certo, Avantgarde ha rilasciato alcuni tra i miei dischi preferiti di sempre… Quindi è abbastanza surreale far uscire qualcosa tramite un’etichetta simile! Se tu avessi detto al me quindicenne che un giorno avrei rilasciato qualcosa con loro, la stessa label che ha prodotto “Brave Murder Day” e “Discouraged Ones” dei Katatonia (due dei miei dischi preferiti di sempre), “The Linear Scaffold” dei Solefald, “Nightwork” (Diabolical Masquerade), “Reflections Of The I” (Winds) o il debutto dei Thergothon, “Stream From The Heavens”, non ti avrei davvero mai e poi mai creduto. Per non citare le band brillanti che sono sotto etichetta attualmente… Siamo semplicemente molto fortunati, e debitori verso Roberto (Mammarella, -ndr) che ha visto qualcosa in noi e ci ha dato fiducia. Inoltre, è una gran persona in generale.

Q- E’ un piacere vedervi innanzitutto grandi appassionati di musica, oltre che musicisti. Cosa ne pensate delle altre band nel roster Avantgarde? Ve ne piace qualcuna in particolare?

A- Chloe: Amo il nuovo album degli Ashbringer e sono una grande fan dei Selvans, dei Downfall Of Nur e anche dei Sivyj Yar. E’ divertente ascoltare queste band magnifiche tenendo a mente che sei sotto la loro stessa etichetta.

Emilio: Il roster è fantastico, con così tante ottime band al suo interno… Senza nemmeno pensarci, le mie preferite sono Earth And Pillars, Selvans, Ashbringer, Downfall Of Nur, Abigor, Sivyj Yar, Mesarthim, Auriga, e una band che ogni tanto faccio persino fatica a credere condivida il nostro steso roster: i Darkspace.

Mike L.: Penso che l’attuale roster della Avantgarde sia veramente il suo più impressionante di sempre! Ovviamente l’etichetta ha una storia enorme alle sue spalle, ma Roberto non ha certo perso il suo talento nello scovare band talentuose. Accanto ai classici che ho citato sopra, Avantgarde ha anche rilasciato uno dei dischi Doom che ho più apprezzato negli ultimi anni: “Frail” dei Before The Rain. Tra le nuove firme sono particolarmente un appassionato del nuovo album degli Ashbringer, “Yūgen”, che è semplicemente colossale e non posso che raccomandare, degli ultimi due album in studio dei Sivyj Yar (“Burial Shrouds” and “From The Dead Villages’ Darkness”) che sento seguano i passi degli Agalloch sotto diversi aspetti, e il disco dei Mesarthim, “Isolate”, fornisce uno dei più unici esempi di Atmospheric Black Metal da me sentiti da un sacco di tempo a questa parte. “Dweller On The Threshold”, dei Dystopia Nå, è un disco incredibilmente piacevole dall’inizio alla fine, i Selvans con “Lupercalia” hanno tirato fuori uno dei miei dischi preferiti dello scorso anno, e i The Clearing Path, la band di Gabriele (Gramaglia, -ndr) che ha curato il missaggio ed il mastering del nostro disco. Giusto per citare qualche nome tra tante altre ottime band: un ottimo roster!

Q- …Visto che lo avete menzionato… Per la produzione di “Empires Of Ash” vi siete affidati a Gabriele Gramaglia (che figura tra l’altro come ospite per le parti di chitarra acustica in “Trails Of The Earth”). Vi ritenete soddisfatti del suo lavoro? Pensate di collaborare ancora con lui in futuro?

A- Mike L.: Assolutamente soddisfatti! Siamo felici di come Gabriele ha realizzato sia il mastering che il missaggio! Abbiamo registrato tutto il disco, ho missato e masterizzato io le versioni demo dei pezzi come traccia del suono che volevamo ottenere (che è ciò che sentite in “Heritage…” nella versione “Single” sul Bandcamp, l’abbiamo fatto per ogni pezzo). L’abbiamo quindi mandato a Gabriele per un mix e un mastering più professionali in vista dell’album. Le parti acustiche in “Trails Of The Earth” sono state scritte e da noi registrate quando gli ho mandato il resto della canzone. Tuttavia, la copia inviatagli aveva alcuni errori e, non avendo più io il giusto microfono per ri-registrare le parti di chitarra acustica, Gabriele si è offerto di registrarle per noi da capo. Quando ce l’ha rimandata, non solo aveva ri-registrato il break acustico centrale, ma aveva anche aggiunto alcuni strumming sul finale. Li abbiamo tenuti perché suonavano bene! Quindi, sì, assolutamente ci piacerebbe lavorare ancora con lui in futuro. Non abbiamo ancora deciso cosa fare in questo senso per il prossimo album, chiaramente decideremo con più certezza quando verrà il momento. In ogni caso, non potremmo essere più felici di come la produzione finale sia uscita!

Q- Premesso che il risultato finale è ben più che apprezzabile nel suo complesso, dopo svariati ascolti il nostro parere è che il suono (in particolar modo) della batteria (essendo una drum-machine) si potesse curare meglio. Tutto fila, il risultato generale è più che buono, ma la sensazione di fondo è che -al netto di una grossa cura del dettaglio negli arrangiamenti- altri aspetti, come la produzione nel suo complesso, siano stati trattati quasi con fretta. Per caso confermate? Passato qualche tempo dall’uscita del disco, rifareste tutto allo stesso modo?

A- Mike L.: Sono personalmente abbastanza soddisfatto delle parti di batteria, e su questo album non cambierei granché, ma è un’osservazione valida e capisco bene perché molti possono aver da dire al riguardo. Sicuramente, mi sarebbe piaciuto far registrare le parti di batteria da un vero batterista in carne ed ossa, ma abbiamo dovuto lavorare con ciò che avevamo e le risorse limitate… Inoltre, ho speso molto tempo per far sì che comunque le parti di batteria programmata suonassero il più realistico possibile. Certo è che non vi è sostituto valido ad un batterista in carne ed ossa, ma siamo una band sconosciuta con risorse molto limitate: abbiamo lavorato con ciò che avevamo… Nel bene e nel male. Vi sono sempre piccole cose che cambierei nella musica che creo, ma sono abbbastanza contento delle parti di batteria. Comunque questo non è il primo appunto alla batteria che riceviamo, e comprendo come ci sia una certa ripercussione nell’utilizzare una batteria programmata, ma purtroppo si trattava di realizzare il disco in questo modo o non realizzarlo affatto. Ma, anche quando avremo un vero batterista (probabilmente sul prossimo album), lo stile batteristico di “Empires Of Ash” è qualcosa da cui non voglio troppo allontanarmi. Quindi in termini di parti di batteria, non cambierei molto, probabilmente nulla perché sono soddisfatto. Per quanto riguarda il suono, sono generalmente contento di come sono uscite, tuttavia certamente preferirei un vero batterista e sono d’accordo sul fatto che suonerebbe meglio. Speriamo di riuscire di convincervi sotto questo aspetto sul prossimo album!

Q- Anche se l’album è uscito da molto poco, avete menzionato più volte un “nuovo album”… Una domanda sorge spontanea: avete già del nuovo materiale in vista per un lavoro futuro? In caso affermativo, potete già anticiparci qualcosa al riguardo?

A- Mike L.: Sicuro! Abbiamo già parlato tra di noi del nuovo album e abbiamo anche iniziato a fare qualche pianificazione preliminare, anche se ovviamente non sarà nulla che decideremo nell’immediato futuro o così velocemente. Ognuno di noi sta lavorando, in questo momento, ai suoi altri progetti e ci stiamo prendendo del tempo per quelli, così come ci prenderemo tutto il tempo necessario con Sojourner per far sì che esca il miglior lavoro nelle nostre possibilità! Non vi è ancora moltissimo di pronto, comunque, qualche parte e qualche idea ma non un lotto completo di pezzi. Ci sarà un pezzo incominciato originariamente per “Empires Of Ash”, che tuttavia non ho fatto in tempo a completare in quanto l’album era per il resto già pronto ed in uscita, così ho deciso di metterlo da parte per la prossima volta. Terremo il sound che avete sentito finora, tendenzialmente, però amplieremo anche i nostri orizzonti musicali in nuove direzioni, chiaramente. L’approccio sarà bene o male quello avuto fino ad oggi: non ci sediamo e diciamo “ok, usiamo queta influenza qui e quest’altra invece in questa parte”, scriviamo l’album in maniera discretamente organica e quel che io e Chloe scriviamo è bene o male quello che si sentirà sul disco. L’unica cosa che tendiamo a pianificare è una generale “geografia” dell’album (in mancanza di termini migliori), così da sapere in principio dove vogliamo i picchi del disco e le parti più calme. Ad esempio, in questo album abbiamo voluto “The Pale Host” come interludio calmo tra due pezzi più sostenuti, e per quanto riguarda “Trails…” abbiamo scelto fosse la spinta necessaria -con la sua carica- per giungere alla title-track, che è il pezzo più lungo dell’album. Il processo di scrittura del nuovo disco sarà simile. Stilisticamente, aspettatevi nuovi strumenti che non abbiamo impiegato in questo disco, e ci piacerebbe trovare un batterista come precedentemente detto. La gente sembra apprezzare molto le parti vocali di Chloe, quindi suppongo ne useremo di più la prossima volta. Sentirete ancora i flauti: a questo punto sono un elemento base nel nucleo della band, integrati quanto le chitarre o il pianoforte.

Q- Hai parlato dei vostri altri progetti musicali, vi va di descrivercene qualcuno?

A- Emilio: Ho una band Doom/Death chiamata Nangilima. Qualcosa di molto simile ai Draconian, Doom:VS o Swallow The Sun, e probabilnmente anche un po’ Evoken. Il Doom è un genere che ho voluto fare per molto tempo, quindi questo progetto è il mio personale sbocco in questo mondo. Abbiamo rilasciato un full-length intitolato “The Dark Matter” e rilasceremo un EP verso la fine dell’anno tramite Xtreem Music.

Chloe: Sto scrivendo un disco Folk Metal per un progetto di nome Aoroi (un termine in greco antico che descrive i fantasmi erranti dei morti, che possono essere evocati per delle maledizioni), più nella direzione di Visigoth, Equilibrium, o Elvenking. Registrerò questo nei prossimi mesi. Più che altro è una buona occasione divertente per suonare qualcosa di troppo Power Metal per i Sojourner. Credo registrerò anche qualche parte vocale, ma necessita anche di parti più estreme quindi cercherò qualcuno che si occupi di queste.

Mike L.: Sto cercando di mettere su una band con amici di Dundee ed Edinburgo qui in Scozia, qualcosa di simile ai Gojira -forse un po’ più pesante- che servirà soprattutto per suonare dal vivo, ma probabilmente registreremo anche qualcosa. I Lysithea, con il nostro bassista Mike W., sono la mia band Melodic Doom Metal e inizieremo un nuovo album molto presto. Ad esser sincero, gran parte del tempo che spendo creando musica da quando abbiamo finito il disco dei Sojourner l’ho impiegato lavorando per la colonna sonora (elettronica) di un film per un amico canadese. Niente di Metal, più che altro 80s synth e pezzi atmosferici di piano.

Q- Siete un band piuttosto anomala, in quanto internazionale e divisa fra Svezia e Nuova Zelanda (ora Scozia): poli opposti del globo! Per tale ragione, dobbiamo assolutamente chiedervi come si svolge il vostro processo compositivo…

A- Emilio: Abbiamo notato una sorta di shock da parte delle persone quando scoprono che abitiamo così distanti e riusciamo a comporre musica così meticolosa nel dettaglio. Il fatto è che con internet oggi non è per nulla difficile. Siamo costantemente in contatto, non solo quando dobbiamo parlare della nostra musica. Quindi ci chiamiamo o usiamo Skype per decidere solo alcuni dettagli o giungere a conclusioni. Grazie al file-sharing riusciamo infine a mandarci le varie parti. La distanza ci impedisce unicamente di suonare live, cosa che riusciremo a fare quando andrò a trovare  Mike (L.) e Chloe in settembre in Scozia.

Chloe: Come dice Emilio, la composizione è stata veramente facile. Sarebbe invece molto più difficile se io e Mike (L.) non vivessimo nello stesso posto. Solitamente, dopo aver discusso del tema e della direzione di un pezzo con Emilio, Mike e io iniziamo a lavorare ad una parte e ce la scambiamo continuamente. Lavoriamo insieme con le chitarre per la base, e solitamente contribuiamo entrambi a tutti gli strumenti, quando Mike ha un’idea per i flauti io poi li interpreto e li modiifco, oppure scrivo alcune iniziali linee di tastiera che poi Mike rifinisce e lavora. Quando io e lui abbiamo finito un pezzo, mandiamo i file a Mike W. ed Emilio per basso e voce, che dopo aver registrato rimanderanno a Mike L. per missare.

Mike L.: Esatto, come dice Chloe è stato un processo di collaborazione tra me e lei per le musiche, e non sarebbe stato possibile se non vivessimo nello stesso posto. Ognuno di noi ha i suoi strumenti principali però: Chloe i tin whistles e la sua voce, io il piano, i sintetizzatori, la programmazione della batteria. In più, entrambi utilizziamo le chitarre al 50 e 50. Questo ci impedisce di avere barriere e ci fa lavorare in modo molto fluido. Ecco perché è stato particolarmente facile: le musiche sono scritte tutte nel medesimo posto e non abbiamo altri musicisti da contattare o con cui interfacciarci. Con Mike W. e le sue parti di basso poi è stato molto facile poiché abbiamo già lavorato insieme molto in passato e quindi ci conosciamo bene: appena ho inviato lui i pezzi, ha capito subito di cosa avevamo bisogno e l’ha semplicemente fatto. Dopodiché è stata solo questione di aggiungere le parti vocali di Emilio, quindi un processo liscissimo dall’inizio alla fine.

Q- Veniamo all’aspetto live della band… Avete comunicato la possibilità di futuri concerti in Scozia. Avete intenzione di diventare una live-band a tutti gli effetti con quel che ne consegue (tour, ecc.)?

A- Emilio: Non voglio essere il tipo di persona che dice “non accadrà mai”, ma le dinamiche di un tour sono incredibilmente complesse per noi. Penso che per il momento sia più sicuro e cauto affermare che saremo una band che farà qualche concerto qui e lì quando se ne presenterà l’occasione, e dove avremo possibilità di esibirci.

Q- Tornando sul tema dell’appartenenza geografica: da molti anni la Nuova Zelanda è entrata nell’immaginario collettivo come patria dell’universo visivo de “Il Signore Degli Anelli” e de “Lo Hobbit”, in virtù delle saghe cinematografiche dirette da Peter Jackson. Siete interessati all’argomento e pensate di trasporlo in musica (come discretamente solito per band con le vostre coordinate stilistiche), oppure volete distaccarvi il più possibile da questo cliché?

A- Chloe: Abbiamo sempre reputato meglio tenere le nostre tematiche sul mondo fantasy e la natura i generale, senza basarci unicamente su un libro. Emilio può parlare meglio di me dei testi, ma nelle musiche cerchiamo di catturare elementi che si adattino all’immaginario dei vasti paesaggi più indistinti e momenti storici che vogliamo rappresentare. Molte persone ci hanno collegati a “Il Signore Degli Anelli” a prescindere, come dici tu probabilmente incoraggiati dal fatto che la maggior parte di noi viene dalla Nuova Zelanda. Detto questo, sono molto contenta che ad alcune persone la nostra musica ricordi “Il Signore Degli Anelli” perché ho sempre amato Tolkien; ho letto i libri da più giovane e continuo a farlo, inoltre i film sono i miei preferiti di sempre. Significa che, anche se non abbiamo intenzionalmente messo in musica quelle storie o quel concept, siamo riusciti a catturare l’atmosfera generale che è comunque molto appropriata. Qualunque cosa che sia “fantasy” gli è anche involontariamente correlata, in quanto è un caposaldo troppo grande. Ma ci sono già così tante ottime band che usano questa tematica esplicita, abbiamo sentito non avremmo aggiunto nulla facendolo anche noi.

Mike L.: Amo “Il Signore Degli Anelli” e Tolkien, ma non ho mai incontrato una fan di Tolkien più appassionata di Chloe! Comunque ci sono così tante band che lo usano come influenza diretta ed esplicita che non abbiamo mai preso in considerazione l’idea di usarlo come base per il nostro immaginario… Non più di qualunque altro fan del mondo fantasy, almeno. I Summoning hanno una carriera basata su Tolkien ed elementi correlati, e non vedo motivo né fine nell’imitare quello che hanno fatto loro così bene. Allo stesso modo, i Caladan Brood hanno usato la serie “Malazan Book Of The Fallen” come ispirazione, e fare lo stesso sarebbe stato incredibilmente finto. Nonostante sia un classico del genere, e nonostante il nostro apprezzamento in quanto fan e anche neo-zelandesi, come dici è diventato ormai un cliché. I film hanno donato una popolarità enorme alla Nuova Zelanda, e hanno fatto un gran bene in termini di turismo ai neo-zelandesi, inoltre sono una pubblicità realistica della bellezza dei paesaggi che vi vedi dentro… E sono proprio questi scenari ad ispirarci più di qualunque altra cosa. Essendo la nostra Terra natia, sia Chloe che io abbiamo viaggiato in lungo e in largo questi posti, quindi penso di poter dire che siamo legati ancor di più alla vera “Terra-Di-Mezzo” che non all’immaginario del set, ahah! Direi che i paesaggi della Nuova Zelanda, i nostri viaggi in Vietnam, Tailandia, Cambogia e Cina sono ciò che più ci ha ispirati in questo album. Abbiamo trascorso sei mesi in questi paesi, alcune delle più grandi meraviglie del mondo vi sono contenute e ci hanno ispirati. Un ultimo appunto su “Il Signore Degli Anelli”: nonostante oggi sia un cliché per il mondo fantasy, nessuno potrà mai rubargli il suo ruolo di caposaldo del genere e bisogna pagare ad esso il giusto rispetto che merita in quanto tale.

Q- Abbiamo recentemente parlato con i Summoning, in un’intervista, delle varie band che -nel bene e nel male- si sono ispirate al loro sound e alla loro estetica. Con “Empires Of Ash” siete entrati di diritto nella lista delle proposte che, in maniera positiva, si ispirano agli austriaci cercando di donare all’ascoltatore anche qualcosa di personale e unico. A tal proposito, cosa ne pensate di questa infinità di band dedita al Black Metal atmosferico con testi di stampo fantasy?

A- Emilio: Ne siamo influenzati, è vero. Quando si parla di questo genere, vedo i Summoning come nostri padrini (come per il Death Metal e i Death di Chuck [Schuldiner, -ndr]) quindi qualcosa per forza vi sarà sempre. Riguardo questa ondata di band Atmospheric Black Metal… La adoro. So che molti potranno pensare “un’altra band?” ma per me si tratta di ennesima musica incredibilmente epica! Eldamar e Skyforest sono solamente le mie ultime ossessioni, ascolto i loro dischi più volte al giorno da qualche tempo. La loro musica è stata fatta altre volte, è vero… Ma è fatta bene, per me, quindi posso andare avanti ad ascoltare anche loro. Tendenzialmente, finché è roba buona, la adoro. Che ci siano ancora più band simili!

Mike L.: Sì, sicuramente vi sono influenze dei Summoning nella nostra musica, arpeggi in distorto e altro… Ma, come dicevi, la maggior parte delle influenze arriva da altrove. Sono chiaramente un grande fan del genere, ma per me Summoning e Caladan Brood lo fanno al meglio. I miei gusti nel Black Metal generalmente tendono più verso l’Atmospheric Black Metal non in senso stretto, tipo Agalloch, Winterfylleth, Borknagar, Moonsorrow, Windir, Enslaved, Dissection, Nechochwen, Fen, Drudkh, Mgła, Mesarthim, Alda etc… Tutte band con grande atmosfera, che probabilmente non rientrano esattamente nel filone. In ogni caso, più ce ne sono meglio è! In ogni genere la qualità tende sempre più a variare, ma vi è molta ottima nuova musica e le tematiche fantasy spesso possono andare di pari passo con le musiche.

Q- Riflessione (a tratti amara e scomoda) su tempi più moderni: sia il vostro primo -ed unico!- pezzo in anteprima (“Heritage Of The Natural Realm”), sia l’album, hanno ricevuto un ottimo responso da parte del pubblico. Vi aspettavate una cosa del genere spuntando letteralmente dal nulla, in tempi così difficili per la musica? Discutiamone…

A- Emilio: Le liriche di “Heritage Of The Natural Realm” spiegano tuta la mia visione a riguardo. Gli umani hanno provato più e più volte di essere un danno per la sopravvivenza della natura e ciò che ne concerne. Siamo tutti uguali? No, di certo, ma quelli che la distruggono sono ben più di quelli che non lo fanno. Quando moriremo, la Terra si restaurerà di nuovo pura e pulita. Non siamo al centro del pianeta e non siamo indispensabili. Qualcosa di insignificante (o così crediamo), come una formicha o un’ape, sarà sempre più utile di quanto non lo siamo noi. Suonerà duro, ma non voglio usare giri di parole per evitare di dar fastidio a qualcuno. Per quanto riguarda l’accoglienza del nostro lavoro, siamo incredibilmente grati e felici in quanto non ci saremmo mai aspettati di vendere tutti i preordini e che la label avrebbe dovuto far produrre altre copie. Il calore che abbiamo ricevuto è incredibile e lo apprezziamo infinitamente. Quindi, ancora una volta, grazie a chiunque per il supporto dimostrato, a tutti coloro coinvolti nella produzione dell’album, e ad Avantgarde Music per aver creduto e credere in noi!

Mike L.: Su questo devo dire di non essere d’accordo con Emilio, o almeno credo vadano fatte delle distinzioni. Generalmente, preferisco cercare il buono nelle persone, e anche s’è vero che abbiamo combinato disastri incredibili in quanto razza umana, non vedo nesun fine in una misantropia sfrenata. Il più delle volte è completamente da disfattisti e non ha nulla di costruttivo, quel che è peggio è che questo modo di fare tende a non andare nemmeno incontro ai progressi né a risolvere il problema. Il danno che è stato fatto è sfortunatamente stato fatto, ma credo ci siano diversi modi per cercare di arginare la cosa e riportarla all’ordine, e quantomeno molte branche della scienza stanno lavorando a tal fine. La mia tesi di laurea, ad esempio, è incentrata sugli studi fatti per creare una colonia su Marte, e più o meno allo stesso modo in cui abbiamo visto enormi benefici dalle tecnologie successive alla corsa nello spazio degli anni ’50-’70, una spinta verso Marte potrebbe raccogliere un sacco di tecnologie utili ad aiutare a frenare il riscaldamento globale. Ci sono altri problemi, come la sovrappopolazione, che devono essere affrontati per aiutare a bilanciare alcuni dei danni che stiamo facendo, ma ancora una volta non trovo fine nell’antinatalismo aggressivo: non è più costruttivo rispetto al “Voluntary Human Extinction Movement” che brama la morte del maggior numero di persone possibili. Un controllo delle nascite simile a quanto attuato dalla Cina è qualcosa che probabilmente dovremmo tenere in considerazione in futuro, per risolvere alcuni dei problemi dovuti alla sovrappopolazione… Ma se per qualcuno la soluzione sarebbe l’estinzione del genere umano, beh allora non vedo utilità in tutto ciò. Ci sono modi per tirarci fuori dalla buca che ci siamo scavati, e ristabilire una sorta di equilibrio sul pianeta, ma pretenderei un piccolo cambio di vita quotidiana da chiunque… Che credo sia una cosa insegnata ai bambini da gran parte dei genitori, il ché è ottimo. Ho fede che questo accada, ma seminare odio nei confronti della propria specie non porta a nessuna soluzione. E’ troppo facile gettarsi in nichilismo e misantropia, più difficile è invece cercare di essere parte della soluzione. Certo è che, invece, se si parla di tempi moderni in fatto di terrorismo e vari atti di violenza nei confronti di gente innocente, o di razzisti, misogini, omofobici e transofobici pezzi di merda che sembrano essere così comuni di questi tempi… Ecco, se ci si sbarazzasse di loro, si risolverebbe il problema della sovrappopolazione. E’ uno dei motivi per cui adoro che i nostri temi siano riguardanti il mondo fantasy, perché non trovo senso nel diffondere un certo messaggio nichilista di fondo.
Giusto per essere chiari, però, questo non riguarda la visione di Emilio e non è rivolto a lui, perché non è un misantropo. Sono d’accordo con buona parte di ciò che dice, e le liriche di “Heritage…” sono più che altro incentrate sul venerare la natura.
Per quanto riguarda la nostra musica e come è stata recepita, non ci saremmo mai aspettati nulla di simile! L’abbiamo fatto per noi stessi e non credevamo nemmeno a qualcuno sarebbe interessato, invece la reazione è stata stupefacente. E’ così surreale tutto questo interesse e tutta questa gente che va a fondo con l’album, che non sentiamo quasi più di averlo fatto noi, ahah! Credevo avremmo sentito lamentele per via delle vocals femminili, perché siamo troppo melodici, o perché non siamo “veramente” Black Metal… Ma non abbiamo ricevuto nessuna critica simile, e questo mi ha sorpreso. Non potremmo essere più grati alle persone che hanno espresso belle parole nei nostri confronti o hanno dimostrato il loro supporto, significa davvero molto per noi! E soprattutto un grazie a Roberto per aver costantemente creduto in noi, gli dobbiamo molto.

Chloe: Mi pongo un po’ al centro tra le visioni di Emilio e Mike, perché ci sono momenti in cui credo che il mondo necessiterebbe di una buona, cara e vecchia apocalisse zombie e altri in cui, invece, sono conscia dei progressi fatti. In ogni caso, adoro l’aspetto naturale della tematica in “Heritage…”; gli spiriti e divinità della natura/foresta sono sempre i miei personaggi fantastici o mitologici preferiti. “Princess Mononoke” (“La Principessa Spettro”) di Hayao Miyazaki è uno dei miei film preferiti, e le tematiche di “Heritage…” e della title-track “Empires Of Ash” me lo ricordano molto. In termini di accoglienza del disco… Siamo incredibilmente grati alle persone per essere state così incoraggianti e calorose e non ce lo aspettavamo minimamente. Facciamo musica per noi stessi e tutto questo è un ottimo bonus.

Q- Ora siamo giunti veramente alla fine dell’intervista… Come di consueto lasciamo l’ultima parola a voi, augurandovi in bocca al lupo per il futuro con i Sojourner.

A- Emilio: Grazie mille per questa intervista! A mani basse la migliore mai fatta da noi finora. Le domande erano ottime e ci siamo davvero divertiti a rispondere. Come ho già detto prima, grazie a tutti per l’immenso supporto ricevuto per questo album e rimanete sintonizzati per il prossimo!

Mike L.: Grazie davvero per aver speso del tempo per parlare con noi, è stato grandioso, apprezziamo molto tutto il supporto che ci avete fornito fin dagli inizi! E grazie a tutti coloro i quali hanno scritto parole gentili su di noi fino ad oggi o hanno comprato l’album, siete tutti fantastici!

Chloe: Grazie per l’intervista e per averci aiutati la far emergere la nostra musica. Grazie anche a tutti coloro che hanno dimostrato interesse o supporto, lo apprezziamo davvero molto!

 

Domande a cura di: Karl “Feanor” Bothvar, Matteo “Theo” Damiani.
Traduzione inglese delle domande a cura di: Matteo “Theo” Damiani.
Grafica iniziale a cura di: Giacomo “Caldix” Caldironi.
Artwork originale a cura di: Jordan Grimmer.

Matteo “Theo” Damiani