Seguici su FB

3 hours ago

Pagan Størm

Esattamente 20 anni fa oggi, il 20 marzo 1999, i norvegesi Manes rilasciavano tramite Hammerheart Records il loro full-length di debutto intitolato "Under Ein Blodraud Maane".

Non di rado una formazione Black Metal degli anni '90, specie in Norvegia, ha raggiunto veri e propri livelli di eccellenza fin dal debutto o proprio con esso; ciononostante, "Under Ein Blodraud Maane" a distanza di venti anni dalla sua pubblicazione non stenta a ritagliarsi un posto inavvicinabile, tutto suo anche per stile, nell'assortito sottobosco degli ingiustamente meno celebrati del periodo.
Allontanata ormai l'intransigenza dell'ondata scandinava imperversata nella prima metà dei '90, le più varie divagazioni avanguardistiche della Norvegia in particolare stentavano già a contarsi anche tra i suoi esponenti di maggior rilievo. Una che senz'altro caratterizzerà per importanza in retrospettiva il biennio tra il 1998 ed il 1999 è quella del graduale -ma tutto tranne che invisibile- avvicinamento industriale specialmente da parte di quella cricca riunita sotto il vessillo dell'allora Moonfog Productions: un tipo di meccanicità due anni prima sperimentata dai più solitari Mysticum e che viene solo in piccola parte ripresa in anagramma "post" dai primi Manes come mezzo e non fine nel ricrearne l'atmosfera nerissima, alienata e di enorme opprimenza (un occhio nel riffing è poi senz'altro gettato a STRID - epitaph e Burzum) tuttavia fenomenalmente incastonata nelle distese assolutamente sinfoniche e talvolta al limite del virtuoso delle tastiere - protagoniste silenziose sotto alla coltre di chitarre dal memorabile gusto e suono spettrale, ai vertici qualitativi per composizione soprattutto quando ripiegate sui mid-tempo dal sapore rituale, mistico e nero come la pece.
Le versioni rimasterizzate porranno poi proprio questo aspetto in assoluta evidenza, con risultati altalenanti, in parte contravvenendo a quel contrasto unico che il suono ruvido e tagliente delle chitarre (successivamente relegate a frequenza di minore importanza) ha creato e contribuito a rendere a suo modo speciale "Under Ein Blodraud Maane": un bagliore nel plumbeo cielo del Nord, illuminato da una luna color rosso sangue.

Per celebrare i vent'anni trascorsi dalla sua uscita, riascoltiamo questa sera "Uten Liv Ligger Landet Ode".

-Theo-Under ein Blodraud Maane (1999) - Track 3 Sargatanas - Vocals Cernunnus - Guitars / Keyboards / Programming Tor-Arne Helgesen - Drums
... See MoreSee Less

6 hours ago

Pagan Størm

LGDS 15.2: Saor - "Forgotten Paths" (Avantgarde Music, 2019)

Recensione: paganstorm.altervista.org/saor-forgotten-paths-2019/

-Theo-
... See MoreSee Less

10 hours ago

Pagan Størm

Gli islandesi Árstíðir lífsins rilasciano un brano inedito, intitolato "Morðbál Á Flugi Ok Klofin Mundriða Hjól", come anteprima del loro prossimo full-length "Saga Á Tveim Tungum I: Vápn Ok Viðr" di cui hanno divulgato ogni dettaglio.
Il pezzo è ascoltabile al seguente link: tinyurl.com/arstidirlifsins-track/.

"Saga Á Tveim Tungum I: Vápn Ok Viðr", prima parte di un doppio album concettuale che comprenderà anche il successivo "Saga Á Tveim Tungum II: Eigi Fjǫll Né Firðir" (in programma sei mesi dopo la prima parte), sarà prodotto da Ván Records in data 26 aprile.
L'artwork dell'opera è visibile in fondo, mentre di seguito è riportata la tracklist:

1. Fornjóts Synir Ljótir At Haddingja Lands Lynláðum
2. Sundvǫrpuðir Ok Áraþytr
3. Morðbál Á Flugi Ok Klofin Mundriða Hjól
4. Líf Á Milli Hveinandi Bloðkerta
5. Stǫng óð Gylld Fyr Gǫfgum Ræsi
6. Siðar Heilags Brá Sólar Ljósi
7. Vandar Jǫtunn Reisti Fiska Upp Af Vǫtnum
8. Fregit Hefk Satt
9. Haldi Oss Frá Eldi, Eilífr Skapa Deilir

Il precedente full-length "Aldafǫðr Ok Munka Dróttinn", uscito nel 2014, è stato recensito come disco della settimana alla sua uscita sulla Webzine a questo link: tinyurl.com/arstidirlifsins-review/.

-Ordog-SAGA Á TVEIM TUNGUM: VÁPN OK VIÐR

On 26.04.2019, outstanding German/Icelandic metallers Árstíðir lífsins return with their much anticipated 4th album entitled ‘Saga á tveim tungum I: Vápn ok viðr’. Like all previous outputs, the album will be released via German quality label Ván Records on exclusive 2LP, Digipack CD and known digital channels.

1. ‘Fornjóts synir ljótir at Haddingja lands lynláðum’ (04:52 min.)
2. ‘Sundvǫrpuðir ok áraþytr’ (04:40 min.)
3. ‘Morðbál á flugi ok klofin mundriða hjól’ (07:15 min.)
4. ‘Líf á milli hveinandi bloðkerta’ (10:16 min.)
5. ‘Stǫng óð gylld fyr gǫfgum ræsi’ (11:05 min.)
6. ‘Siðar heilags brá sólar ljósi’ (04:50 min.)
7. ‘Vandar jǫtunn reisti fiska upp af vǫtnum’ (08:47 min.)
8. ‘Fregit hefk satt’ (03:21 min.)
9. ‘Haldi oss frá eldi, eilífr skapa deilir’ (14:48 min.)

Listen to ‘Morðbál á flugi ok klofin mundriða hjól’ here: youtu.be/gUnoNDFibKE
Pre-orders available on Ván Records’ webstore:
www.van-records.de/index.php?language=en

Since 2008, the art of Árstíðir lífsins breathes Old Norse history on all levels. Entirely sung in Old Icelandic and twinned with its sister album ‘Saga á tveim tungum II: Eigi fjǫll né firðir’ to be released in late 2019, ‘Vápn ok viðr’ takes you on a journey to the brutal power attempts of (in)famous Norwegian king Óláfr helgi Haraldsson in the early eleventh century as it is portrayed in the vernacular medieval Scandinavian sources.

Musically, Árstíðir lífsins proves on ‘Vápn ok viðr’ once again its ability to produce audial quality: From ambient archaic folklore patterns, supported by dark chants and classical instruments, to both modern and classic Black Metal elements, the musical abilities materialise and teach a powerful lesson in real craftmanship.

‘Saga á tveim tungum I: Vápn ok viðr’ was composed and recorded in Germany and Sweden in early 2018 and mixed and mastered in August 2018 by the experienced hands of renowned producer Markus Stock at Klangschmiede Studio E, Mellrichstadt, Germany. As always, the intriguing layout was executed by the highly talented Christopher Duis of 1gemachtes.de. All promotional photography was taken by the equally skilled Rakel Erna Skarphéðinsdóttir.
... See MoreSee Less

1 day ago

Pagan Størm

I canadesi Numenorean diffondono in anteprima la title-track del loro nuovo disco "Adore", il quale sarà disponibile tramite Season of Mist a partire dal 12 aprile.

Ogni dettaglio dell'album ed il precedente singolo "Regret" sono reperibili qui: tinyurl.com/numenorean-news

-Ordog-Subscribe to Season Of Mist for new releases : som.lnk.to/YouTube Taken from the forthcoming album "Adore". Release Date: April 12, 2019. Order here:...
... See MoreSee Less