Pagan Storm intervista i Summoning

Recentemente lo staff di Pagan Storm Webzine ha avuto il piacere di intervistare gli austriaci Summoning in occasione dei lavori sul nuovo full-length, successore dell’acclamato “Old Mornings Dawn” uscito nel 2013 tramite la connazionale Napalm Records. Lo schivo ma cordiale -e molto disponibile- duo rapresentato da Michael Gregor e Richard Lederer (in arte, rispettivamente, Silenius e Protector) si è prestato per un’approfondita, piacevole e fruttuosa chiacchierata nella quale ha fornito interessanti ed esclusive anteprime riguardanti il nuovo album in uscita, i suoi lavori in corso, l’immediato futuro e passato della band, i progetti paralleli (con riferimento particolare agli ultimi lavori di Abigor e Amestigon), nonché varie curiosità e chiarimenti a proposito di tematiche e influenze letterarie. Tutto questo e ovviamente molto altro. Curiosi? Non vi resta che incominciare la lettura…

[EN]

Q- First of all, thank you for accepting our interview. Let’s start talking about the upcoming album: how are the works going so far, shall we know in which phase it is at the moment? Can you reveal in advance something more about it? Will it be a proper full-length album as your last Old Mornings Dawn” or an EP, or maybe even something else? According to rumours about lyrics, they’ll focus on the “Akallabêth” part of the Silmarillion. Is it true or not? If it actually is, why did you choose this very part of the book?

A- Silenius: To be honest, during the last two months everything slowed down and sometimes even stopped again, because we had different things to do or simply lost a little bit the energy. All in all this time the working process was completely different. Usually it took a long time to get motivated again and to compose the first riffs but this time it was different because we had so many riffs or even song fragments left from the “Old Mornings Dawn” sessions, so that we tried to compose new riffs and add them to the old stuff or restructure what we have. All in all we had a lot of material to work with, so everything developed very quickly. But now, after the composing process is over, the motivation calmed down a bit because the creative part is over and the routine work starts.
In the beginning we wanted to make an LP again like we did with “Nightshade Forest” with “Dol Guldur”, but meanwhile we realized that we have so much material that it will be a full-length again. One song will be hold back and will be released together with a yet to compose song on a special limited 10 inch vinyl. The lyrical focus will not be on the “Akallabêth”, just two songs will hold this topic – maybe the first and the second one. This time, for the first time, there wont be the usual intro, but a complete intro instrumental song, including guitars. This song is dealing with “Ar-Pharazôn” and the following one is dealing with the war against the Hidden Lands.
Concerning other lyrics, I am still in the collecting phase. Probably we will use some lyrics of Tolkien translations, like “Beowulf” or “King Arthur” or “Sigurd”. And we will take some lyrics of authors like Edgar Allan Poe and different ones. But of course we try to choose them carefully, so it shall fit into the Tolkien universe.

Q- In your last two full-length albums there is a bunch of songs with lyrics in languages created by Tolkien: Mordor black speech in “Mirdautas Vras” and parts of the Elvish language in “Evernight” and “The White Tower”. Parts of these were realized using special guests on these records, so will there be some experiments such as these also on the next one or something like that? Will there be any guest on the new album?

A- Silenius: To be honest, I am not sure if we will use different languages of Tolkien again. It could be, but there are no special plans yet. The only guest appearance will be by Erika Szucs again (female vocals parts in “Old Mornings Dawn”, -ndr), and this time she will contribute on the choir-parts. Other contributors can be possible, but there are no special plans at the moment.

Q- By the way, not every Summoning album or song has lyrics dealing with the world of Tolkien. “Stronghold”, unleashed in 1999, stands as a major example introducing plenty of references to William Wordsworth, Robert Frost and Sir Walter Scott (among the others…). Will there also be, in the next album, references to other writers from the past? If so, can you tell us who?

A- Silenius: As I told in the first answer; you are right there will be different authors, but the only one which we definitely will use is Edgar Allan Poe, but I am sure there will also be other authors. I want to have a pool of about 15 lyrics which we can deal with, but of course not all of them will be taken and at the moment my pool is about 7 or 8 lyrics so I have to find some more.

Q- How do you usually work during the composition of your albums? How do you find the right balance between keyboards and synth parts, mixing them with the harshness of the guitars?

A- Protector: Normally, we first create the keyboard parts and then later I add the guitar riffs to it. But with the last album this changed and some songs already started with the guitar lines. While composing we don’t care so much about any mixes, we just care if the guitar riffs suit to the other melodies in a harmonic way. Only after everything is done we deal with the balance of both.
For me, it’s important that the guitars are as loud as possible but leaving enough space for the keyboard melodies, so that they still can be heard. It’s also important for me not to use any power-chords for the guitars, because the guitars can integrate much better to our keyboard arrangements with more varied chords.

Q- Your “Lost Tales” EP and the bonus tracks of your last album (“Old Mornings Dust” and “Redhorn”) represent sporadic episodes of totally electronic music (more likely recalling your very own Ice Ages or Die Verbannten Kinder Evas). Will there ever be other releases like that in the future? Have you ever thought about doing a proper full-length album (under the Summoning monicker, of course) without using the common rock instruments for the Metal-part?

A- Protector: No there are no plans like this. Even “Lost Tales” was not planned, as it was just a kind of old release of old demos which did not have guitars included. Meanwhile, if we would have some melodies where we don’t want to add guitars, we rather would use them for our own projects (as you said Ice Ages, or for SileniusKreuzweg Ost). I am not such a fan of using total different sounds for Summoning, because I want to separate the styles of my bands and I don’t want to let them sound like one band.

Silenius: To be honest, in contrary to Protector, I already had such ideas. the result would have been something like in the style of “Two Steps From Hell”. Of course what we never would do is to make a combination between Summoning and a real orchestra. Meanwhile this so hackneyed and unoriginal that I always wonder why there are still so many band who think that this is a good idea.

Q- You have both collaborated in the last two years with other bands (somewhat distant from the genre you play in Summoning): the last outstanding work by Abigor (“Leytmotif Luzifer – The 7 Temptations Of Man”) in a sort of blast from the past for you guys, and of course the last Amestigon album for the only Silenius.
How was it to collaborate (again) with Abigor? Are you satisfied with the excellent feedback of the album and its final result?
Concerning Amestigon and Silenius’ approach there: how does the composition change with them, instead of the vocal lines’ writing process with Summoning?

A- Silenius: I have totally no influence in the composing process of Abigor and Amestigon. But I like to make guest appearances in both bands, meanwhile it’s a kind of trade-mark of mine. It helps me to get new experiences in the use of my vocals. Especially the new Abigor release was a hard lesson for me to learn, because the vocal parts destroyed my voice for several weeks. I also was half ill while doing the vocals and also this changed the sound of my voice. In contrary to Summoning, I tried a lot of different styles of vocals from very deep to high pitched, from whispering to shouting and so on. From all the different types of singing TT (Thomas Tannenberger, -ndr) picked out some parts from here and some parts from there and made an own vocal flow. That’s a very different type of working as we do with Summoning. Making vocals for Amestigon instead is easier and similar to Summoning.

Q- During the last year recurred the twentieth anniversary of your “Minas Morgul” album. We see (or better to say, “hear”) that album as a proper first example of “music of the Ainur“, for after its release a new sub-genre of Atmospheric Black Metal with roots in your aesthetics, with Tolkien-based lyrics (or fantasy-like, more in general) started to develop. How do you feel being a visionary pillar of this sub-genre? Do you know some of that bands clearly inspired by your music? If so, what do you think about ‘em? Do you even like some of them?

A- Silenius: Yes of course we realized, that there is a kind of small sub-genre going on which is focused on epic-fantasy inspired Black Metal. Of course we know most of the bands inspired by us like Caladan Brood, Emyn Muil, Moongates Guardian, Avathar, Elffor and so on… Of course it’s a great honor for us that we are a source of inspiration for younger bands, and we wish all of them all their best for their musical way, but our musical personal taste lies in totally different genres.

Q- Still concerning “Minas Morgul”: your first two full-length albums have both been released in 1995. The time that has passed between the writing of the two albums is obviously wider than the only six months that separate the sorting out of “Luburz” and “Minas Morgul”, but it actually is a very short period of time in relation to such a radical change of sound. What has induced this proper trade-mark change so quickly, at the time?

A- Silenius: I think the main reason at that time was that we wanted to kick out Trifixion (the drummer on “Lugburz” -ndr) as he turned out to be a complete idiot and always brought bad blood between us and Abigor, and was far to commercial thinking and not true at all to our music and our visions, and in contrary we wanted to make the drums as opposite as possible to his hectic drumming – so the songs became a lot slower. Second we wanted to be different to Abigor – at least lyrical wise, so we looked for a new concept in contrary to their satanic lyrical art, so making a musical translation to Tolkien’s world was rather obvious, as we already had some parts of this within “Lugburz”, and third it was never the plan to get a new drummer. So, slowly, one step came to the other and so the sound of Summoning was shaped in those times.

Q- You’ve been active in Summoning for more than 20 years now, how do you see your own musical path looking back from within? Do you like the idea that your discography should be represented or seen as a journey started in Angband that will end up in Valinor?

A- Silenius: What is important is that the whole Summoning biography should be seen as a unity in terms of music, concept and artwork. So, luckily, we never had the feeling or the desire to make something total different or to reinvent our style or the band in any form.

Q- That’s all, we’re at the very end of the interview. Thank you again for giving us this opportunity… Now you have the possibility to tell our readers (and the Italian audience as well) whatever you want.

A- Silenius: Thanks a lot for this interview. To be honest, I like such interviews more than the usual interview-marathon after a new release. Concerning Italy, I want to give a big hail to our fans there and also to Avantgarde Music, who is not only the home for Abigor nowadays… I have also seen that they soon will sign a new band called Sojourner, which maybe can be interesting to our fans.
Up the hammers.

Silenius e Protector

[ITA]

Q- Prima di tutto vi ringraziamo per aver accettato l’intervista e vi diamo il benvenuto su Pagan Storm Webzine. Iniziamo parlando del nuovo album: come procedono i lavori? Potete dirci a che punto siete e rivelarci qualche dettaglio in anteprima? Si tratterà di un full-length come l’ultimo “Old Mornings Dawn” o un EP? Stando a indiscrezioni sulle tematiche, pare s’incentreranno sull’“Akallabêth” del Silmarillion. Vero o meno e, in caso affermativo, perché avete scelto proprio questa parte?

A- Silenius: In verità durante gli ultimi due mesi abbiamo rallentato i lavori sul nuovo album e, a volte, ci siamo addirittura fermati. Questo perché avevamo e abbiamo avuto ovviamente altre cose da fare o, più semplicemente, perché in quei momenti avevamo perso un po’ di energie da dedicare ai vari processi. Solitamente impieghiamo un bel po’ di tempo per essere nuovamente motivati a riprendere la composizione (dopo l’uscita di un album, -ndr) e a scrivere i primi riff, ma questa volta è stato diverso perché avevamo così tante idee e materiale, finanche vere e proprie parti già pronte di canzoni, dalle ultime sessioni di “Old Mornings Dawn”, che abbiamo deciso di partire da quelle per sviluppare nuovo materiale o sistemare quello che non ci convinceva ancora. A conti fatti avevamo davvero molto materiale su cui lavorare, quindi tutto si è sviluppato questa volta molto velocemente. Ma, ora che il processo di composizione è terminato, la motivazione è venuta un po’ meno dato che la parte migliore, ovvero quella creativa, è finita e di conseguenza iniziano i lavori di routine (missaggio, mastering, -ndr).
All’inizio della composizione volevamo di nuovo fare un EP con ciò che rimaneva, come nel 1997 con “Nightshade Forest” e “DolGuldur”, ma nel frattempo abbiamo realizzato che avevamo così tante idee e così tanto materiale da sviluppare che alla fine si tratterà di nuovo di un full-length. Un pezzo di quelli composti sarà lasciato però da parte, così da finire su un vinile 10” limitato che conterrà anche un altro pezzo che comporremo appositamente per quell’uscita. I testi non si incentreranno totalmente sull’“Akallabêth”, bensì solo due pezzi verteranno su questa tematica. Probabilmente saranno il primo ed il secondo. Questa volta, per la prima volta, il disco non presenterà la solita Intro ma una completa canzone strumentale con le parti di chitarra incluse. Questo pezzo s’incentrerà tematicamente sull’“Ar-Pharazôn” e la canzone successiva tratta della guerra contro le Terre Nascoste.
Per quanto riguarda le altre liriche, siamo ancora nella fase di scrittura e raccolta di ispirazioni esterne. Probabilmente useremo alcune traduzioni di Tolkien, come “Beowulf” o “King Arthur” o “Sigurd”. Prenderemo alcune parti di diversi autori (ad esempio Edgar Allan Poe), questa volta, e le useremo come liriche. Ma, naturalmente, dobbiamo fare molta attenzione affinché s’incastrino tutte alla perfezione con l’universo Tolkieniano.

Q- Nei vostri ultimi due album sono presenti una manciata di brani contenenti liriche in lingue create da Tolkien: la lingua nera di Mordor in “Mirdautas Vras” e parti di elfico in “Evernight” e “The White Tower”. Alcune di queste sono state realizzate mediante degli ospiti su disco, pensate vi saranno altri ospiti o esperimenti simili sul nuovo lavoro?

A- Silenius: Ad essere completamente onesto, non sono sicuro utilizzeremo di nuovo parti in lingue di Tolkien. È possibile, ma non abbiamo comunque ancora pianificato la cosa. L’unico ospite presente sul prossimo album che ti possiamo già svelare è -ancora- Erika Szucs (voci femminili già su “Old Mornings Dawn”, -ndr) e questa volta contribuirà alle parti corali. Possibilmente vi saranno altri ospiti e altri artisti esterni al duo, nel prossimo disco, ma non abbiamo ancora stabilito nulla con certezza in questo senso.

Q- In ogni caso, non ogni disco dei Summoning presenta testi unicamente incentrati sul mondo di Tolkien. “Stronghold” del 1999 ne è esempio lampante, mediante i suoi ampi riferimenti a William Wordsworth, Robert Frost e Sir Walter Scott (tra gli altri…). Mi confermi che vi saranno, anche nel prossimo album, riferimenti ad altri autori del passato? In caso affermativo, puoi svelarne già qualcuno?

A- Silenius: Come ti dicevo poco fa, dici bene e ci saranno diversi autori citati nelle liriche del prossimo disco, ma l’unico di cui sono al momento sicuro al 100% è Edgar Allan Poe. In ogni caso, sono anche sicuro vi saranno diversi altri autori citati, ma non ti so ancora dire con certezza quali perché sto valutando diverse opzioni con attenzione, al momento. Voglio arrivare ad avere una scorta di almeno 15 liriche con cui posso lavorare per i pezzi, così da scegliere le più adeguate e performanti e scartare le restanti. Al momento la scorta è di 7 o 8 liriche pronte all’uso, quindi devo trovarne ancora altre prima di cominciare a lavorarci coi pezzi.

Q- Come funziona generalmente la composizione dei vostri album? Come trovate, solitamente, l’equilibrio giusto tra le parti di sintetizzatori e tastiere e la l’asprezza delle parti chitarristiche?

A- Protector: Normalmente creiamo prima di tutto le parti di tastiera, che guidano la composizione del pezzo, solo successivamente aggiungiamo i riff di chitarra. Ma questa volta devo dirti che le cose sono un po’ cambiate, infatti alcuni brani sono nati direttamente da linee chitarristiche. Mentre componiamo, però, non badiamo troppo alla sorta di “mix” a cui facevi riferimento. L’unica cosa a cui facciamo attenzione è che i riff si sposino alla perfezione ed in modo armonico con le altre melodie. Solo a quel punto, a pezzo ormai creato, ci focalizziamo sull’equilibrio dei suoni tra le due componenti. Per quel che mi riguarda, è importante che le chitarre siano sempre il più possibile forti ed udibili tuttavia lasciando spazio e respiro alle altre melodie di tastiera, così che siano sempre perfettamente intelligibili e lampanti. Un’altra cosa a cui faccio molta attenzione è di non usare nella maniera più assoluta alcun power-chord per quanto riguarda la composizione delle chitarre; questo perché le parti chitarristiche si mescolano molto meglio con gli arrangiamenti di tastiere se utilizziamo accordi più variegati.

Q- Il vostro EP “Lost Tales” e le bonus track dell’ultimo album (chi scrive si riferisce a “Old Mornings Dust” e “Redhorn”) rappresentano sporadici episodi di musica totalmente elettronica nella vostra discografia (qualcosa di più vagamente simile ai vostri progetti paralleli Ice Ages o Die Verbannten Kinder Evas). Pensate possa giungere un’altra uscita simile in futuro? Possiamo aspettarci un vero e proprio full-length (sotto il monicker Summoning) con queste coordinate stilistiche?

A- Protector: No, non ci sono piani simili… Persino “Lost Tales” al tempo (2003, -ndr) non era stato pianificato. Si trattava semplicemente di un modo per rilasciare questo paio di vecchi pezzi in versione demo senza le chitarre aggiunte. In questo momento, se avessimo delle melodie a cui non vogliamo in alcun modo aggiungere chitarre, probabilmente le useremmo piuttosto per i nostri progetti paralleli che hai citato (o per i Kreuzweg Ost di Silenius). Non sono molto propenso ad impiegare differenze stilistiche importanti nei Summoning, perché voglio che le mie band e i miei progetti siano ben distinti tra loro, senza rischiare di farli suonare mai come un’unica band.

Silenius: In tutta onestà, al contrario di Protector, ho avuto spesso quest’idea o idee simili. Il risultato sarebbe probabilmente stato qualcosa in stile “Two Steps From Hell”. Poco ma sicuro, quello che non faremo mai è combinare i Summoning con una vera e propria orchestra. Questa è diventata una moda così abusata e poco originale che mi chiedo sempre come così tante band riescano a pensare possa essere ancora una buona idea.

Q- Avete entrambi collaborato, negli ultimi due anni soprattutto, con altre band (spesso discretamente distanti da quello che fate con i Summoning): l’ultimo eclatante album degli Abigor (“Leytmotif Luzifer – The 7 Temptations Of Man”), una sorta di ritorno al passato per voi, e ovviamente anche l’ultimo album degli Amestigon (“Thier”) per il solo Silenius.
Com’è stato collaborare -nuovamente- con gli Abigor? Siete soddisfatti dell’eccellente feedback e risultato?
Per quanto riguarda invece gli Amestigon e l’approccio vocale di Silenius: come cambia la composizione con loro, rispetto allo scrivere linee vocali per i Summoning?

A- Silenius: Non ho assolutamente influenza sul processo compositivo delle musiche di AbigorAmestigon in realtà, ma apprezzo e ho apprezzato molto partecipare come ospite sui loro dischi… Col tempo è diventato una specie di marchio di fabbrica, o appuntamento fisso, per me. Questo, tra l’altro, mi aiuta a fare sempre nuove esperienze nell’utilizzo delle mie corde vocali e le varie tecniche che posso impiegare. Specialmente il nuovo album degli Abigor è stata una durissima lezione per me, perché le parti vocali hanno letteralmente distrutto la mia voce per settimane e settimane. Sono stato anche in parte ammalato durante la scrittura degli arrangiamenti vocali e la loro registrazione, quindi questo ha in parte cambiato il suono della mia voce in quel periodo. Al contrario di quanto accade coi Summoning, ho sperimentato un sacco di stili vocali e registri diversi: dai rantoli più bassi e cupi allo screaming più acido e alto (di tono, -ndr), dai sibili sussurrati alle vere e proprie urla, e così via… Da tutte queste registrazioni e diversi tipi di parti, TT (Thomas Tannenberger, leader degli Abigor, -ndr) ha preso i momenti più adatti di qui e di là e ha creato, sovraincidendo, la linea vocale unica che sentite sul disco. Questo è un modo completamente diverso di lavorare rispetto a quello che utilizziamo nei Summoning, al contrario di quanto avviene invece negli Amestigon. Creare le parti per “Thier” è stato molto più semplice e simile a quanto facciamo solitamente.

Q- Lo scorso anno si è celebrato il ventennale dall’uscita del vostro “Minas Morgul”. Lo vediamo (o, per meglio dire, sentiamo) come un vero e proprio primo esemplare di “musica degli Ainur”, in quanto dopo la sua uscita ha iniziato a svilupparsi un sotto-genere di Atmospheric Black Metal con radici fortemente radicate non solo nella vostra personale estetica, ma finanche nello stile musicale e presentante liriche basate sull’immaginario di Tolkien (o, più generalmente, Fantasy). Come ci si sente ad essere a conti fatti dei visionari musicali, in capo ad un vero e proprio filone di band a voi ispirate? Ne conoscete qualcuna? In tal caso, cosa ne pensate?

A- Silenius: Sì, ovviamente ci siamo resi conto della nascita e del verificarsi di questo fenomeno o filone ispirato ed incentrato sulle tematiche epiche e Fantasy nel Black Metal. Ovviamente conosciamo gran parte delle band a noi ispirate, come Caladan Brood, Emyn Muil, Moongates Guardian, Avathar, Elffor e così via… E, certamente, per noi è un onore nonché un grande piacere essere a conti fatti una fonte d’ispirazione per giovani e più giovani band, auguriamo loro tutto il meglio per i loro progetti, ma i nostri gusti musicali risiedono in generi totalmente diversi.

Q- Sempre parlando di “Minas Morgul”: i vostri primi due full-length sono entrambi usciti nel 1995. Il lasso di tempo trascorso tra la composizione del primo e del secondo è ovviamente ben più ampio dei sei mesi passati tra l’uscita di “Luburz” e “Minas Morgul”, ma è comunque un periodo molto breve se si considera il cambio di rotta stilistica sostanziale tra i due dischi. Cosa indusse un cambio così marcato (che portò in breve alla creazione del vostro marchio di fabbrica), al tempo?

A- Silenius: Penso che la ragione principale, al tempo, risieda nel fatto che volevamo cacciare dalla band Trifixion (il batterista che suonò su “Lugburz”, -ndr) in quanto era diventato un completo idiota, sempre pronto a seminare discordia e più volte sul punto di rovinare i rapporti tra noi e gli Abigor. Inoltre, non ha mai creduto per davvero nel nostro progetto e nel nostro modo di creare musica, o nella nostra visione in tal merito. Allo stesso tempo, volevamo qualcosa che si distanziasse il più possibile dal suo batterismo frenetico e veloce, così i pezzi divennero incredibilmente più lenti. In secondo luogo, volevamo anche essere diversi dagli Abigor -perlomeno liricamente- quindi cercammo un nuovo stile ed un nuovo concept che si distanziasse dal satanismo e l’esoterismo esplicito delle loro e nostre liriche. Un parallelo ed il conseguente cambio verso il mondo di Tolkien fu abbastanza ovvio e naturale, dal momento che avevamo già trattato in piccola parte l’argomento in “Lugburz”. Infine, non pianificammo mai di sostituire Trifixion ed ingaggiare un nuovo batterista. Per tutti questi motivi e a lento seguito di queste circostanze, un passo dopo l’altro, in quel periodo il sound dei Summoning ha preso forma…

Q- Siete attivi con i Summoning da più di venti anni ormai, come vedete dall’interno il vero e proprio sentiero musicale che rappresenta la vostra carriera? Vi piace l’idea che la vostra discografia possa essere vista come un viaggio, incominciante ad Angband, che terminerà a Valinor?

A- Silenius: Quello che importa davvero è che l’intera biografia, discografia ed infine il concept stesso dei Summoning venga sempre visto come una sola entità, unito in termini di musica, estetica e liriche. In questo modo, fortunatamente, non abbiamo mai sentito il bisogno di cambiare totalmente percorso o fare qualcosa di totalmente diverso sotto questo monicker, o ancora reinventare il nostro stile o la band stessa in alcun’altra forma.

Q- Direi che questo è tutto, siamo giunti alla fine della nostra intervista. Ringraziandovi ancora per la disponibilità, vi lasciamo questo piccolo spazio per lanciare un qualsivoglia messaggio ai nostri lettori, al pubblico italiano che vi segue e a chiunque altro vogliate.

A- Silenius: Grazie mille per questa intervista a voi. In tutta onestà, apprezzo molto questo tipo di interviste rispetto alle solite maratone inevitabili che giungono dopo l’uscita di un nuovo album. Per quanto riguarda l’Italia, voglio salutare e ringraziare ovviamente tutti i nostri fan che abitano nel vostro paese, ma anche la Avantgarde Music (non solo la casa discografica degli Abigor oggi…). Ho inoltre visto che ha appena messo sotto contratto una nuova band chiamata Sojourner, che penso possa essere interessante per i nostri fan e chi ci segue.
Up the hammers.

 

Domande a cura di: Karl “Feanor” Bothvar, Lorenzo “Kirves” Dotto e Matteo “Theo” Damiani.
Traduzione inglese delle domande a cura di: Matteo “Theo” Damiani.
Revisione inglese delle domande a cura di: Gloria Mambelli.
Editing video del Trailer sottostante e grafica iniziale a cura di: Giacomo “Caldix” Caldironi.
Artwork originale a cura di: Richard Lederer e Michael Gregor.

Matteo “Theo” Damiani