Pagan Storm intervista i Downfall Of Nur

Ci sono voluti diversi mesi di lavoro e strenuo scambio (minato e prolungato all’inverosimile da innumerevoli interruzioni di natura personale) tra la vostra Webzine del cuore e Antonio Sanna, mastermind dei Downfall Of Nur che sta in questo momento scrivendo un seguito -in forma di secondo full-length personale- all’acclamato “Umbras De Barbagia”, per realizzare uno scritto che facesse luce sui dolori e le ombre dimenticate dell’incontaminata, antica, rurale area dell’isola sarda che offre il suo scenario agli inni del progetto dal 2013.
In collaborazione con il giovane ed incredibilmente talentuoso artista, abbiamo voluto fornire a voi lettori uno spaccato il più possibile completo e genuino sul mondo interiore che popola i ricordi di Barbagia e i suoi aneddoti, andando a scoprire cosa muove la pulsione artistica del compositore italo-argentino in direzione di quel taglio doloroso nel songwriting che tanto ci continua a colpire e segnare in profondità. Nondimeno, provato a carpire e trasmettere parte dello spirito di quella sfaccettata personalità che si cela dietro ai simboli e alle loro storie di sangue; immersi nelle selve notturne della Sardegna ferita, bagnati da pioggia che cela acuta sensibilità, ricerca, comunione, misticismo e sofferenza.

[EN]

Q- Welcome back to Pagan Storm Webzine, Antonio. Let’s start with something easy: could you tell us the genesis of your project from the very beginning and what led to the release of your excellent “Umbras De Barbagia” a couple of years ago?

A- Antonio: Hello guys, pleasure is mine. I started Downfall Of Nur in 2013, by those days I was ending with another project called Drowned In November. It was one of the first projects of mine, I consider it to be very experimental, nothing serious, but thanks to it I learned many things at the time. I’ve learned a lot thanks to the recording process of this project, but it never had any other purpose than to experiment.
Returning to Downfall Of Nur, in 2013 I recorded “Jhanas-Nur”, the first demo, released on tape by Dnirgal Productions after some months from its digital release. At the end of 2013 I started to write the songs that later would be launched in “Umbras De Barbagia” and “Umbras E Forestas”. All of them were written at the same time but because sonically and conceptually they didn’t fit as I wanted, I decided that they would go into two different releases. Due to this also the production of “Umbras E Forestas” is lo-fi and raw, while the “Umbras De Barbagia” production took a long time
.

Q- Let’s go a bit deeper into the world of Downfall Of Nur now: what can you tell us about your connection and relationship with your native Country? What actually binds you to Sardinia -both spiritually and materially- that led you to build the entire concept of the project around that?

A- Antonio: Nowadays what binds me to Sardinia is Downfall Of Nur, since I started it by 2013 it has mutated from a musical project to a true and proper emotional link in which is reflected, in form of music, all my relationship and memories associated with my homeland. For this same reason composing for Downfall Of Nur is not so easy: “Umbras De Barbagia” has a lot of feeling and is not artificial, and I think many people could appreciate this.
Anyway it means a lot, and when something means a lot sometimes you are proud or just sad about it. Sardinia was always loved and hated for the wild and enchanting cultural heritage; this cultural heritage made of values, the language and history is what creates an identity to which you belong. It’s in your blood.
Nowadays, little is left of all this, considering that society since the seventies has become much more individualistic. With globalization everyone wants to be the stereotype, each passing year more people cares less about their “origins”. I think it’s the media bombardment taking all of your attention in different directions and besides that, there’s this materialistic society which encourages originality and diversity, but in fact discriminates against those who think differently.
My home, my history and culture is what make me be and feel Sardinian, defend my origins and carry them like a flag.

Remains of the Nuragic civilization (Proto-Nuraghe and Nuraghe).

Q- And so you transposed your origins in the Downfall Of Nur concept, unavoidably bound to the ancient Sardinia’s Nuragic civilization. I’m more than sure there is a deep historiographical research strongly rooting in your lyrics. Can I guess the lyrics of your first album are actually and directly dealing with some documented historical events?

A- Antonio: Yes, “Umbras De Barbagia”, the “Umbras E Forestas” EP and the first demo “Jhanas-Nur” had their own deep research of lyrics. I think that the lyrics-writing is something very delicate, especially when you are dealing with historical facts… You cannot narrate the literal story or less, it must be narrated in a more personal and metaphorical way so that the reader / listener can be transported and feel identified with the lyrics.

In “The Golden Age”, for example, I try to narrate in a theatrical and metaphorical way the so called “Pre-Nuragic Age”, when the Nuragic civilization flourished on the island of Sardinia. From this period remain more than 332 menhir, 100 Dolmen, and more than 2,400 hypogeum tombs called Domus de Janas.

Hypogeum tombs (Domus de Janas) and cult sites from the scattered necropoleis in the Barbagia area.

Then, “The Golden Age [of the Nuragic Civilization]” located in the middle/late Bronze Age and the Iron Age, refers to the time when the Nuragic Civilization was in all its splendor and the population growth due to the flourishing trade of metallurgy products and handcrafts all over the Mediterranean Sea, from the Near East to Spain and the Atlantic. All this made the Nuragic civilization a power of the Mediterranean area, and at last the first invasions made by other civilizations (Carthaginians, another big power of the Mediterranean Sea) failed, and so did the first expedition led by Malco in 540 BC against a still strongly Nuragic Sardinia, which also caused a political revolution in Carthage.

Metallurgy figures (made in bronze) and handcrafts dated back during the rise of the Nuragic civilization.

Then, there was another expedition against the island, in 509 BC, after the Sardinians attacked the Phoenicians/Carthage coastal cities. The Carthaginians, after a number of military campaigns in which Mago, King of Carthage died and was replaced by his brother Hamilcar, overcame the Sardinians and conquered coastal Sardinia. So the Nuragic civilization survived in the centre and mountainous area of the island (this Area would be called by Romans “Barbaria” in Latin and “Barbagia” in Sardinian language).

In “The Downfall Of Nur” also, the topics that are covered go from the invasions and the fall of the Nuragic civilization to their conversion to Christianity. When, in 238 BC, Romans defeated the Carthaginians in the first Punic war, all the colonies and the Sardinian territories of Carthage fell in Roman hands. The Romans started a heavy colonization on the island but they only succeeded in colonizing the Carthaginian territories and the centre of Sardinia. The mountains of the island remained in the hands of the Nuragic civilization’s descendants, which at that time were divided into several tribes which rebelled against Rome on many occasions. For this reasons, Romans started to call this area “Barbaria”: land of barbarians.
After several centuries, when the Roman Empire split into the Roman Empire in the West and the East, the Byzantines conquered Sardinia and the interior populations of Barbagia. Guided by Hospiton (Dux Barbaricinorum), the Sardinians began to attack the Byzantines and they defeated them innumerable times until they reached Calaris walls, and put the Byzantine dux Zabarda under siege. After this, the pope “Gregory the Great” found out about the situation in Sardinia and sent a letter in 594 AD to Hospiton, in which he proposed the conversion to Christianity for him and his people and the peace between him and Zabarda, saying that his people were inferior and lived like animals, worshipping gods of stone and denying the true God. The story ends when Hospiton was convinced to make peace and let monk missionaries start converting to Christianity
.

The wild mounts and the untouched forests of Barbagia.

Q- Excluding for a while the elaborated historical world in which “Umbras De Barbagia” is drenched, is there any myth of the Sardinian folklore which you’re particularly fond of, instead?

A- Antonio: One of my favourite characters is S’Ammutadori. I usually have had suffered sleep paralysis since when I was a child, and S’Ammutadori is the manifestation in the form of a fantastic creature of this pathology in the Sardinian mythology.

Q- Let’s get back to your past: the lyrics of  “Umbras E Forestas” and “Jhanas-Nur” are actually written down in the Sardinian dialect. Is this an ancient form or is it exactly the same spoken nowadays?

A- Antonio: Behind the lyrics of both “Jhanas-Nur” and “Umbras E Forestas” there was a lot of research in order to find the concrete words and denominations, since it’s not exactly the one spoken nowadays.

Q- In the period between the release of the EP and the one of the full-length you told that some of the tracks of “Umbras E Forestas” would have been rearranged and included into the album. But this has actually not happened. Is it only due to the fact you mentioned at the beginning of the interview?

A- Antonio: Yes, except for the fact that the EP “Umbras E Forestas” was written in the same time with the songs later part of “Umbras De Barbagia”, the two are conceptually different, either in sound that in thematic, and I really never liked the factor of the “Bonus Track”, so I preferred to leave everything as it was.

A representation of the barbagian traditional bull mask, divine symbol of strength and life, tied to the mamuthones custom (shown on the left) and used for the artwork of “Umbras De Barbagia” (frame on the right).

Q- Let’s finally focus to “Umbras De Barbagia”: the collaboration with Daniel [vocals, -EdN] has marked a real turning point in the project, if compared to the previous career’s minor statements. How has it worked out? Were you searching for someone with his exactly voice features or have you adapted him and/or the music for the final result after choosing him?

A- Antonio: “Umbras De Barbagia” took a lot of time in terms of song writing and production, with Dany we are a good workingteam. Originally I recorded all the voices too, but I didn’t like the final result, and since the album was full of potential, I started looking for an extended grow range vocalist who could fit on the sound of the album and I thought of asking to Dany. He liked the idea and so we started to work on it.
The voices of Dany added more magic to the album’s atmospheres and also gave to it a final shape. They were a key element to the album. I gave Dany free will for all the vocal parts, and he did an incredible work
.

Q- In “Umbras De Barbagia” are featured some unusual folk instruments as the Launeddas and the Quenacho Flutes, just to name a few. How the idea of using the ethnic Sardinian wind instrument came out? Is it an instrument you were used to play before starting Downfall Of Nur?

A- Antonio: Long time ago I was planning to add ethnic instruments and create a semi-folkloric environment in order to incorporate to the album some details, and this has mostly had taken place in “Umbras De Barbagia” since the general composition and the concept itself allow these instruments to fit well and not be left out of place.
This album needed this kind of instruments and atmospheres. My father used to play Launneddas and taught me, I’m not very great with them but just good enough to write some lines.
I decided to add them to give a mystical touch to the album. Certain kinds of instruments and sounds transport your mind to different places, and I think that’s very important.

Q- I must confess you that I’ve really loved the drumming on “Umbras De Barbagia”. That’s why I’d like to know how did you achieve that great drum-sound. How have them been recorded?

A- Antonio: This might sound a little crazy, but all the drums after the “Umbras E Forestas” EP were programmed with midi softwares and processed by samples of high quality. Generally the time of the whole production of the songs is in them, because programming drums and making them sound natural and acoustic leaves an individual very close to a state of madness, but it allows to use excellent drum sounds recorded in recording studios of high quality. This makes things much easier, since recording drums is very expensive and make them sound good is also very expensive. Above all, programming them in this way gives you the possibility to experiment with several sounds and choose the ones that fit the most with the album production.

Q- And that’s surprising to say the least, both considering the amazing dynamic range and the incredibly natural and live sound of them. It’s unpolished and the lines are very melodic and human-like, at the point I’d say your drumming sounds even more real than a good 80% of the physical drumming you can hear on modern records. And does the same go for the collaborative album with Selvans we already talked about?

A- Antonio: Yes, and I really feel very happy with the result of the collaboration with Selvans. From the beginning we wanted to make something that would have not been a common split between bands/projects, but an opus work in collaboration with a proper concept in common. We worked remotely and this fact complicated things a little in the process, anyway I am satisfied of this last work, it was a great experience and a pleasure to have worked with them.

Q- So what’s next now? Has the songwriting for a new and second full-length already started?

A- Antonio: I’m planning the second full-length album, trying to put concepts in order and write the lyrics. It will be a little different from the past and if everything goes well, I will start to compose and record it now during 2017, and that’s the only thing I am going to say now… But rest assured that it will remain nostalgic and atmospheric as hell.

Q- Notwithstanding your young age, as we said you even have left behind several studio projects before starting Downfall Of Nur. Do you also consider it as your first really mature project that has all the past experiences you’ve achieved converging in its centre? Have you also played in real bands with other members or were them all one-man bands of yours?

A- Antonio: I definitely consider Downfall Of Nur as my first fairly-mature project, or at least I feel it this way since all the experience I got and I get is dumped into it. I’ve played on other bands also, local bands mostly, but I really get sick when people don’t take it with the same seriousness as I do and see it, and since I cannot pretend they do so, I prefer to spend the only time I have in the studio composing or recording by myself.
Sometimes, as in this case, not everyone can understand you, or understand the concept behind the band or just feel it like it should be.
So with Downfall Of Nur I decided to work alone. I don’t have to depend on anyone except myself for my inspiration, which lightens the backpack and makes things flow.

Q- And therefore we can really say that Downfall Of Nur is in the end a one-man band of yours, excluding the collaboration with Daniel as a guest vocalist. Have you ever thought about the live-dimension for the project?

A- Antonio: Yes, Downfall Of Nur is a one-man band project with occasional collaborations. To handle it by this way gives me freedom to compose and record when I want, and this is what I need now. Maybe in the future Downfall Of Nur will be open to some live presentations but anyway I can assure it’s never going to be a band in the self-meaning of the word.

Q- Recently the CD pressing of your 2013 demo “Jhanas-Nur” came out (and then sold-out!) via Avantgarde Music. We can find five postcards (one for each track) representing pictures described as your visual works. Which is the actual link with the songs?

A- Antonio: When the first edition of the cassette demo came out in 2013, the graphic was somewhat minimal and not very special. When Avantgarde talked to me about doing a re-issue [for the first time on CD format, -EdN] we thought that it would have been good to add more visual content: the postcards are abstract representations of archaeological and cult sites, I painted them many years ago and these fitted perfectly.

Q- Let’s conclude the interview with something personal. I know that your tastes are greatly varied, but concerning what we are talking about, the likes of Agalloch, Wolves In The Throne Room, Burzum and Ulver have been important influences of yours in order to start Downfall Of Nur and to write “Umbras De Barbagia”. Do you think is there any artist or band that has influenced you and/or your style even before that and whom you actually owe the fact of being here today?

A- Antonio: I just had a couple of projects when I was 15/16. Most of those are a bit embarrassing if I look at them now. In those times I wanted to have a band, and where I lived at the time I just couldn’t find anyone to play with really. Then I got in touch with the work of Burzum and the fact that Varg Vikernes used to do everything by himself just inspired me to start do everything by my own.
But yes, the old Opeth albums were a big influence, especially “My Arms, Your Hearse” and “Orchid”. Another one I would like to mention is also a Folk band called Espers from Philadelphia, United States. They were a great influence on my first attempts at composition when I was 14/15 and they continue to be.

Q- That’s a wrap! We’re at the very end of the interview. Thank you for the brilliant chat, we leave you here this safe space to tell our readers and who you prefer whatever you desire.

A- Antonio: I would like to thank you guys for the support and patience, really appreciated.

Antonio Sanna

[ITA]

Q- Bentornato su Pagan Storm Webzine, Antonio. Ti andrebbe di iniziare raccontandoci la fase di sviluppo del tuo progetto? Parliamo di cos’ha portato dalla sua nascita fino all’uscita dell’eccellente esordio “Umbras De Barbagia” ormai due anni fa…

A- AntonioCiao ragazzi, è un piacere. Ho iniziato i Downfall Of Nur nel 2013, in quel periodo stavo concludendo un altro progetto che si chiamava Drowned In November. Fu uno dei miei primi progetti e lo considero molto sperimentale, nonché nulla di realmente serio, ma è stato principalmente grazie ad esso se al tempo ho imparato molte cose utili per quello che sarebbe stato il futuro. Ho appreso molto sui processi di registrazione, ad esempio, ma nessuno di questi precedenti progetti ha mai avuto altra finalità se non quella di sperimentare.
Tornando ai Downfall Of Nur, nel 2013 ho registrato “Jhanas-Nur”, il primo demo, rilasciato su nastro dalla Dnirgal Productions successivamente, a pochi mesi dalla sua uscita digitale.
Alla fine del 2013 ho iniziato a scrivere le canzoni che più tardi sarebbero poi finite in “Umbras De Barbagia” e “Umbras E Forestas”. Sono state scritte tutte nel medesimo periodo, ma siccome non stavano bene insieme come avrei voluto, sia sotto l’aspetto stilistico che quello lirico e concettuale, ho deciso che sarebbero state incluse in due release differenti.
È anche per questo che la produzione di “Umbras E Forestas” è così lo-fi, grezza e minimale se confrontata con quella di “Umbras De Barbagia” che, di contro, ha richiesto davvero molto tempo per essere finalizzata.

Q- Ora ci addentriamo un po’ di più a fondo nel mondo dei Downfall Of Nur se me lo permetti: com’è il rapporto con la tua terra di origine? Cosa ti lega, materialmente e spiritualmente, alla Sardegna?

A- Antonio: Oggi ciò che mi lega alla Sardegna è proprio Downfall Of Nur, siccome è incominciato nel 2013 ormai è mutato da mero progetto musicale a vero e proprio vettore emotivo ed emozionale in cui sono riflesse, tramite musica, tutte le mie personali relazioni e ricordi associati alla mia terra d’origine. Per questo motivo, comporre per Downfall Of Nur non è affatto semplice: “Umbras De Barbagia” è davvero carico di sentimento e non ha nulla di artificiale o artificioso, e penso che proprio questa autenticità sia apprezzabile per molte persone.
Ad ogni modo, [il legame, -ndr] significa molto. E quando qualcosa significa molto per te, talvolta ne sei fiero ed orgoglioso mentre altre volte semplicemente ti rattristi per come vanno le cose: la Sardegna è sempre stata amata e odiata per il suo selvaggio ed incantevole retaggio culturale fatto di profondi valori, lingua e storia che creano un’identità alla quale inevitabilmente appartieni. È nel tuo sangue.
Oggigiorno ben poco è rimasto di tutto ciò, visto e considerato che la società dagli anni ’70 è divenuta sempre più individualista. Con l’affermazione della globalizzazione ognuno cerca semplicemente di essere lo stereotipo, e ogni anno esistono sempre meno persone che si curino minimamente riguardo le loro origini. Penso in parte sia dovuto al bombardamento mediatico a cui siamo continuamente sottoposti, che ruba tutta la nostra attenzione in direzione differente, accanto ad una società materialistica che sembra incoraggiare l’originalità e la diversità, pur poi nella pratica discriminando tutti coloro che pensano ed agiscono diversamente.
La mia casa, la mia storia e la mia cultura sono ciò che mi rende e mi fa sentire sardo, oltre a spingermi a difendere le mie origini e portarle in alto come una bandiera.

Resti della civiltà nuragica (Proto-Nuraghe e Nuraghe).

Q- Ed ecco perché il concept dei Downfall Of Nur è strettamente ed inevitabilmente legato alle civiltà nuragiche che popolavano la Sardegna nell’antichità. Sono più che certo del fatto che basi la scrittura dei testi s’una ricerca storiografica approfondita. Lasciami azzardare: le liriche delle tracce del debutto si riferiscono di fatto a particolari avvenimenti storici come credo?

A- Antonio: Sì, sia “Umbras De Barbagia” che l’EP “Umbras E Forestas” e il demo “Jhanas-Nur” hanno avuto la loro priore profonda ricerca in fatto di liriche. Penso che scrivere testi sia davvero qualcosa di molto delicato, specie quando tratti effettivi fatti storici… Non puoi certo narrare letteralmente tutta la storia ma allo stesso tempo non puoi ometterne arbitrariamente parti, di conseguenza deve essere raccontata in una maniera più personale e metaforica, in modo che il lettore / ascoltatore possa essere trasportato dalla musica e possa identificarsi più facilmente nelle tue liriche.

In “The Golden Age”, ad esempio, provo a narrare in un modo teatrale e metaforico la cosiddetta “era pre-nuragica”, ovvero quando la civilizzazione nuragica fiorì sull’isola sarda. Di questo periodo rimangono oggi più di 332 menhir, 100 dolmen e più di 2400 tombe ipogee chiamate Domus de Janas.

Tombe ipogee (Domus de Janas) e siti di culto disseminati tra le varie necropolis disperse nell’area della Barbagia.

“The Golden Age [of the Nuragic Civilization]” (l’età d’oro della civilità e civilizzazione nuragica) è da collocarsi tra la medio-alta era del bronzo e l’età del ferro, riferendosi al periodo in cui la cultura Nur viveva il suo massimo splendore e la popolazione cresceva grazie al rigoglioso traffico e scambio di prodotti artigianali prevalentemente metallici con tutto il resto del Mediterraneo, dal vicino oriente alla Spagna e all’Atlantico. Tutto ciò ha reso la civiltà nuragica una potenza dell’area mediterranea, tant’è che le prime invasioni attuate da altri popoli (i cartaginesi, un’altra grossa potenza del Mar Mediterraneo) fallirono, come fallì la prima spedizione guidata da Malco nel 540 a.C. contro un’ancora forte Sardegna nuragica, causando peraltro una rivoluzione politica interna in Cartagine.

Reperti in metallo di manufatti artigianali (in bronzo) databili al periodo di ascesa della civiltà nuragica.

Quindi vi fu un’ulteriore spedizione contro l’Isola, nel 509 a.C., dopo che furono i sardi questa volta ad attaccare le città costiere fenicie e cartaginesi. Proprio i cartaginesi, dopo una serie di campagne militari in cui morì Mago, il re di Cartagine, venendo succeduto dal fratello Amilcare, riuscirono a sottomettere i sardi e a conquistare le coste della Sardegna. Per questo motivo la civiltà nuragica sopravvisse nella zona centrale e nelle più impervie aree montuose dell’Isola (un’area che sarebbe stata successivamente chiamata dai romani “Barbaria” in latino e adattata a “Barbagia” in lingua sarda).

In “The Downfall Of Nur”, anche, le tematiche inquadrate vanno a descrivere dall’invasione alla caduta della civiltà nuragica, fino alla loro conversione al cristianesimo. Quando, nel 238 a.C., i romani sconfissero i cartaginesi nella prima Guerra Punica, tutte le colonie di Cartagine sul territorio sardo finirono in mano ai romani che cominciarono così una pesante campagna di ulteriore colonizzazione dell’Isola ma riuscirono solo a riaffermare il dominio sui territori già cartaginesi e la parte centrale dell’Isola. La zona montuosa rimase comunque nelle mani dei discendenti della civiltà nuragica, che al tempo erano divisi in diverse tribù che perpetravano atti di ribellione nei confronti di Roma in diverse occasioni. Fu proprio per questa ragione per cui i romani chiamarono questa regione “Barbaria”: terra dei barbari.
Dopo diversi secoli, quando l’Impero Romano si scinse nell’occidentale e in quello d’Oriente, i bizantini riconquistarono la Sardegna comprendendo anche le regioni interne popolate dai barbagi. Guidati da Hospiton (Dux Barbaricinorum), i sardi iniziarono a contrattaccare i bizantini a li sconfissero innumerevoli volte, fino a che non raggiunsero persino le mura di Calaris, mettendo il condottiero bizantino sotto assedio.
Dopodiché, Papa “Gregorio Il Grande” venne a conoscenza della situazione in Sardegna e spedì una lettera ad Hospiton, nel 594 d.C., in cui proponeva la conversione al cristianesimo per lui ed il suo popolo, garantendo la pace tra loro e Zabarda, non tralasciando anche di quanto loro fossero inferiori e vivessero come animali in quanto veneratori di divinità di pietra e rinnegatori del vero dio. La storia si conclude con Hospiton che si lascia convincere in nome della pace e permette ai monaci missionari di iniziare a convertire il suo popolo alla cristianità
.

La natura selvaggia ed incontaminata dei monti e delle foreste della Barbagia.

Q- Escludendo per un attimo l’elaborato mondo storico di cui “Umbras De Barbagia” è intriso, vi è per caso anche qualche riferimento mitologico tratto dal folklore sardo a cui sei particolarmente affezionato?

A- Antonio: Certo, uno dei miei personaggi preferiti è S’Ammutadori. Soffro di paralisi del sonno da quando ero un bambino e S’Ammutadori è proprio la manifestazione di questa patologia, in forma di creatura fantastica, nel mito sardo.

Q- Torniamo al passato: i testi di “Umbras E Forestas” e di “Jhanas-Nur” sono scritti in dialetto sardo. Mi permea un quesito: è un’antica forma o è quella ancora attualmente in uso?

A- AntonioSia dietro alle liriche di “Jhanas-Nur” che a quelle di “Umbras E Forestas” vi è stata molta ed approfondita ricerca testuale in modo da estrarre e trovare le concrete parole e le denominazioni più adatte ai testi, dal momento che si tratta di una forma più arcaica e non quella attualmente parlata oggi.

Q- Nel periodo intercorso fra l’uscita dell’EP e l’uscita del full-length, annunciasti che alcune delle tracce di “Umbras E Forestas” sarebbero state riarrangiate e utilizzate per l’album. Come mai questo non è accaduto? Si tratta unicamente dell’incompatibilità anticipata ad inizio intervista?

A- AntonioAssolutamente, a parte essere stato scritto nel medesimo periodo, il materiale di “Umbras De Barbagia” non ha nulla a che spartire con quello dell’EP e viceversa, dal momento che alla fine sono usciti concettualmente troppo diversi, sia in fatto di suono che tematiche. Inoltre, non ho mai apprezzato il fattore “Bonus Track”, di conseguenza ho preferito lasciare tutto com’era e com’è.

Rappresentazione della maschera di toro tradizionale barbagia, simbolo divino di forza e vita, legato al costume dei mamuthones (a sinistra) e usato per l’artwork di “Umbras De Barbagia” (frame a destra).

Q- Passiamo finalmente a parlare di “Umbras De Barbagia” più nello specifico: la collaborazione con Daniel [voce, -ndr] ha segnato un punto di svolta rispetto alle precedenti uscite minori, tant’è che lo troviamo anche nel nuovo collaborativo coi Selvans. Com’è avvenuto il suo reclutamento? Stavi cercando qualcuno con le sue caratteristiche specifiche o si è adattato alle musiche?

A- Antonio: “Umbras De Barbagia” ha richiesto davvero tanto tempo in termini di scrittura e produzione, ma con Dany siamo un buon team di lavoro. Originariamente avevo registrato io tutte le parti vocali con la mia voce [come nelle prove minori precedenti, -ndr], ma in tutta onestà non mi piaceva il risultato finale. Sentivo che l’album poteva essere pieno di potenziale e quindi ho iniziato a guardarmi intorno e cercare un range estensivo maggiore in un altro cantante, che però doveva anche adattarsi bene al suono del disco. È stato così che ho pensato di chiedere a Dany, a lui è piaciuta l’idea e abbiamo subito iniziato a lavorarci su.
La voce di Daniel ha aggiunto ancora più magia all’atmosfera del lavoro, oltre a donargli la sua effettiva forma definitiva; è stata l’elemento chiave per la realizzazione dell’album. Gli ho lasciato completa libertà per ogni parte vocale, su tutto il disco, e ha fatto una prestazione incredibile.

Q- In “Umbras De Barbagia” troviamo l’originalità di un paio di inusuali strumenti a fiato: il flauto quenacho e le launeddas. In particolare, come hai pensato di poter inserire nel full-length proprio le launeddas, strumento etnico a canne tipico della tua regione nativa? Le suonavi da prima di fondare i Downfall Of Nur?

A- Antonio: Diverso tempo prima di iniziare a registrare stavo pianificando di aggiungere strumenti etnici e creare un paesaggio semi-folkloristico per incorporare nella musica dei Downfall Of Nur alcuni nuovi dettagli, questo è avvenuto principalmente in “Umbras De Barbagia” dal momento che la composizione generale, oltre al concept stesso, permetteva l’impiego di questi strumenti senza che suonassero mai fuori posto.
Questo album semplicemente necessitava questo tipo di strumenti e le loro conseguenti atmosfere.
Mio padre era solito suonare le launeddas e dunque me l’ha insegnato, non sono particolarmente bravo con esse ma sono comunque in grado di suonarle abbastanza bene da scrivere e integrarne alcunee linee.
Ho deciso di aggiungerle alla composizione per donare ai brani un taglio mistico: certi tipi di strumenti e suoni trasportano la tua mente altrove mentre li ascolti suonare, in luoghi diversi e remoti, e penso che questo sia molto importante.

Q- Ti confesso che sono anche un grande fan del batterismo su “Umbras De Barbagia”. Adoro il suo suono e la sua scrittura, mi piacerebbe chiederti come l’hai realizzata. Con che accorgimenti è stata registrata?

A- Antonio: Ti sembrerà assurdo e forse un po’ folle, ma tutte le parti di batteria dei Downfall Of Nur successive a “Umbras E Forestas” sono state inizialmente scritte e programmate con dei software midi, e poi processate con dei sample di alta qualità. Praticamente l’intero tempo della produzione delle canzoni finisce lì, nel realizzare quei suoni di batteria: programmare il batterismo e farlo suonare così naturale ed acustico in questa maniera alla fine del processo ti lascia veramente ad un passo dalla follia, ma se non altro ti permette di usare eccellenti suoni di batteria vera e registrata in studi di registrazione non solo di altissima qualità ma altresì anche costosissimi. Questo rende le cose comunque molto più semplici, se fai tutto da solo, dal momento che registrare la batteria è incredibilmente costoso e farla poi suonare davvero bene lo è ancor di più.
In più, e forse soprattutto, programmarla in questo modo mi dà totale libertà e mi fornisce la possibilità di sperimentare quanto voglio con i suoni e poter scegliere infine quelli che veramente rendono meglio e più si prestano con la produzione finale dell’album.

Q- Sorprendente sentirti dire una cosa simile dato che, non solo a giudicare dal dinamismo e dal suono incredibilmente naturale e ruvido che hanno, ma tenendo soprattutto conto del risultato finale eccezionale, ti direi che la batteria nei Downfall Of Nur suona più fisica, genuina e semplicemente umana di un buon 80% del drumming registrato in studio che puoi ascoltare su dischi attuali. Dunque lo stesso vale per l’album collaborativo coi Selvans di cui abbiamo parlato l’anno scorso?

A- Antonio: Sì, e fammi aggiungere che sono veramente contento del risultato della collaborazione coi Selvans. Fin dall’inizio abbiamo voluto creare qualcosa che non sarebbe stato semplicemente l’ennesimo split tra band/progetti, bensì un’opera magna in totale ed estensiva collaborazione con anche un unico concept comune. Aver lavorato totalmente da remoto ha ovviamente complicato un po’ la cosa in questi processi, ma ad ogni modo sono soddisfatto di com’è venuto fuori questo ultimo lavoro. È stata una grande esperienza nonché piacere aver potuto lavorare con loro.

Q- A tal proposito, hai già del nuovo materiale programmato o in lavorazione? È incominciata la scrittura dei brani per il secondo full-length personale?

A- Antonio: Sto pianificando da un po’ tutto ciò che riguarda il secondo full-length, provando a mettere giù materiale e fare ordine fra i vari concept che ho in mente e scrivendo le liriche. Se tutto va bene sarà un po’ diverso da ciò che avete ascoltato in passato, ma inizierò a comporlo e registrarlo effettivamente ora nel corso del 2017. Questa è l’unica cosa che posso dirti ora… Ma stai pur certo che il nuovo materiale rimarrà comunque sempre nostalgico ed atmosferico alla grande.

Q- Nonostante la tua giovanissima età sei sempre musicalmente impegnato e ti sei persino lasciato alle spalle diversi progetti prima di incominciare con Downfall Of Nur. Anche tu lo consideri il tuo primo traguardo realmente maturo al cui interno è confluita tutta l’esperienza (anche stilistica) accumulata altrove? Permettimi una curiosità: hai mai suonato anche in vere e proprie band con più componenti o erano tutte effettive one-man band?

A- Antonio: Sicuramente sì, considero anch’io i Downfall Of Nur il mio primo progetto quasi-maturo, o almeno è ciò che personalmente sento dal momento che tutta l’esperienza che ho fatto ed ottenuto nei precedenti è stata scaricata al suo interno. Ho suonato anche in altre vere e proprie band, principalmente piccole band locali, ma mi infastidisce seriamente e ci sto male quando le altre persone non la prendono con la stessa serietà che ci metto io. E vedendolo, siccome non posso fare finta che non sia così e allo stesso tempo pretendere che tutti lo facciano, preferisco trascorrere il tempo a mia disposizione in studio componendo o registrando per i fatti miei.
A volte, come in questo caso, non tutti possono capirti o comprendere appieno il concept alla base della band, o anche semplicemente sentirlo nella misura in cui invece dovrebbero. È per questo che ho deciso di lavorare da solo per i Downfall Of Nur. Non devo dipendere da persona alcuna fatta eccezione per me stesso e per la mia ispirazione, ciò che accende il motore e fa scorrere e funzionare quello che creo.

Q- Fatta eccezione per Daniel come guest-vocalist, mi stai confermando che possiamo dunque reputare i Downfall Of Nur a tutti gli effetti come la tua one-man band. Hai mai pensato alla dimensione live per questa musica in particolare?

A- Antonio: Sì, i Downfall Of Nur sono un progetto one-man band con collaboratori occasionali. Maneggiarla e gestirla in questo modo mi dona tutta la libertà di comporre di cui necessito, nonché di registrare solo quando lo voglio, che è ciò di cui ho bisogno in questo momento. Magari, in futuro, Downfall Of Nur verrà anche considerato per qualche presentazione live, non saprei ora, ma in ogni caso non sarà sicuramente mai una band nel senso stesso o stretto del termine, questo no.

Q- Nella recente stampa su CD del tuo demo “Jhanas-Nur”, in box limitato per Avantgarde Music, sono presenti cinque cartoline (una per pezzo) descritte come tue opere visive. Che legame hanno con i brani?

A- Antonio: Quando uscì la prima edizione del demo, in cassetta nel 2013, la grafica era in qualche modo molto minimale e davvero nulla di speciale. Dal momento in cui Avantgarde mi ha parlato della possibilità di fare una nuova stampa per CD [la prima in tale formato, -ndr], abbiamo pensato sarebbe stato carino aggiungere più contenuti visivi. Quindi ho scelto le cinque cartoline che sono originariamente mie rappresentazioni astratte di siti archeologici e luoghi di culto, da me dipinte molti anni fa e che reputo perfette oggi se accostate a quella musica.

Q- Chiudiamo l’intervista con qualcosa di personale. So che i tuoi gusti in fatto di musica sono molto variegati, ma -rimanendo su ciò che stiamo trattando- Agalloch, Wolves In The Throne Room, Burzum e Ulver sono state le tue ispirazioni principali: le più importanti per i Downfall Of Nur e per la scrittura di “Umbras De Barbagia”. Pensi tuttavia vi siano artisti o band in particolare che ti abbiano in generale influenzato a tal punto da dover loro lo stesso fatto di essere qui ora?

A- Antonio: Ho avuto giusto un paio di progetti quando avevo tra i 15 e i 16 anni, gran parte dei quali sono anche abbastanza imbarazzanti se li riguardo ora. A quei tempi volevo avere una band, ma nel posto in cui vivevo in quel periodo non riuscivo semplicemente a trovare davvero nessuno con cui suonare. Poco dopo venni in contatto con il lavoro e la musica di Burzum, e il fatto che Varg Vikernes facesse tutto da solo e per i fatti suoi mi ispirò a tal punto da decidere di poter fare anch’io tutto da me.
Ad ogni modo sì, i vecchi dischi degli Opeth sono stati personalmente un’enorme influenza, specialmente “My Arms, Your Hearse” e “Orchid”. Un altro nome che vorrei menzionare è quello di una band Folk di Philadelphia, dagli Stati Uniti: gli Espers sono stati una grandissima influenza sui miei primi passi in musica e nei miei primi tentativi di composizione quando avevo 14/15 anni… E continuano ad esserlo anche oggi.

Q- Con questo è tutto! Siamo giunti alla fine della nostra intervista. Ringraziandoti ancora per la collaborazione e per averci permesso di conoscere meglio ciò permea il mondo Downfall Of Nur, ti lasciamo ora questo piccolo spazio per aggiungere ciò che desideri in totale libertà.

A- Antonio: Io vorrei ringraziare voi per il supporto e la pazienza, lo apprezzo davvero molto.

 

Domande a cura di: Matteo “Theo” DamianiKarl “Feanor” Bothvar e Lorenzo “Kirves” Dotto.
Traduzione italiana a cura di: Matteo “Theo” Damiani.
Video Trailer sottostante a cura di: Giacomo “Caldix” Caldironi.
Grafica iniziale a cura di: Giacomo “Caldix” Caldironi e Matteo “Theo” Damiani.

Matteo “Theo” Damiani